Dal Bangladesh al Sikkim

Quando ho iniziato il mio primo viaggio? Forse a 18 anni in autostop da solo dormendo a casa di amici e, quando ero lontano da possibili sistemazioni non ho disdegnato un frusciante e odoroso giaciglio all’aperto.
Questa volta, il passaggio repentino da Varese a Dhaka e’ stato una nuova, eccitante sfida. Non la piu’ difficile (c’e’ l’America Latina ed io -ventitreenne- in solitaria) ma sicuramente un’esperienza ricca. Bisogna sempre riabituarsi a certe realta’… In BD ho avuto la fortuna di conoscere in prima persona esperienze innovative e realta’ diverse, osservando i mondi che ci attorniano e venendo a contatto diretto con molte persone; in modo consapevole ho cercato di assorbire qualcosa di utile anche per il mio lavoro di formatore.
In questo ristorante di Ravangla, nel Sikkim occidentale, ora non sento piu’ il caldo incredibile della pianura e di Dhaka, in cambio ricordo vivamente il quartiere e la casa di bambu’ di Lucio, i volti, l’accoglienza e la gentilezza estrema dei bengalesi.
La porta di questo locale a Ravangla e’ aperta e vedo entrarvi la nebbia del monsone; duemila metri piu’ sotto e tante centinaia di chilometri verso sud, i bambini di strada di Dhaka li percepisco lontani, ma non sono affatto scomparsi e le loro tortuose vite continuano. In questo mondo dove sono decine di milioni i bambini lavoratori, la tristezza che ne deriva e’ infinita, per fortuna che ci sono tanti Jackline, Lota, Lucio, Coco…
Accanto a me un gruppo di uomini beve rum made in Sikkim allungato con acqua.

Questa mattina ho fatto un’ottantina di km. nel cuore del Sikkim (SK), da Gangtok a Ravangla. Per entrare nella regione bisogna ottenere un permesso speciale dal governo indiano, causa la sensibililita’ del confine tibetano. Molte zone del nord SK sono off limits per gli stranieri. In Sikkim la popolazione e’ fortemente influenzata dalla cultura nepalese-tibetana e sembra di non essere in India.

Per spostarsi tra le verdissime montagne si utilizzano jeep collettive Tata. In questa stagione dove il monsone sta per declinare, le strade sono ancora dissestate per le piogge e le numerose frane che spesso bloccano la mobilita’ a motore. In due ore siamo scesi a 350 metri, per poi risalirne altri 2000 guadando torrenti e schivando massi franati da poco. Dal finestrino vedevo palme, scimmie, bambu’, fiori sgargianti e poi piantagioni di the, riso e piccoli frutteti. Sulla strada c’erano uomini e donne che tagliavano l’erba e bambini che andavano a scuola con le loro divise scolastiche. Anche se non sono appassionato di auto e ferraglie motorizzate varie, e’ davvero eccitante andare in jeep su questo territorio immerso nella giungla e poi dalla vegetazione di alta montagna; sembra un rally tra i monti e il terreno accidentato. Ma forse lo e’ veramente, solo che la gente usa queste solide jeep per spostarsi e non per giocare a chi guida meglio.
Ad una cinquantina di chilometri da qua, al confine col Nepal, c’e’ la terza montagna del mondo. Purtroppo non riesco a vederla perche’ il monsone la copre con insitenza. Chissa’ se il dio delle nuvole mi offrira’ la visione dell’himalaya?
Prossima tappa Pelling (SK) e poi verso il Nepal.

Da Travel Viaje Viaggio Voyage Foto di Peter Casier

The following two tabs change content below.
Stefano M.

Stefano M.

Scrive su Travel On The Road, il blog dedicato a racconti, immagini di viaggio, sonorità e alla mente del viaggiatore.
Stefano M.

Latest posts by Stefano M. (see all)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here