Viaggiare low cost a Zanzibar

Avete mai pensato fosse possibile trascorrere 15 giorni a Zanzibar, una delle perle dell’ Oceano Indiano, nelle due settimane centrali di agosto, spendendo poco più di mille euro? Ebbene sì, io sono testimone del fatto che si può fare, senza rinunciare a nessuno dei piaceri che si possono provare vivendo appieno questa meravigliosa isola.

Come prima cosa è necessario monitorare i voli aerei con qualche mese di anticipo. Bisogna tenere d’occhio due destinazioni: appunto l’aeroporto di Zanzibar, ma al contempo anche quello di Dar Es Salaam. Nel mio caso infatti è convenuto di gran lunga prendere il volo che atterrasse nella capitale della Tanzania per poi raggiungere l’isola con il traghetto, che non prendere un volo diretto, troppo caro per quella stagione. E se si sceglie volo più traghetto, optate tranquillamente per il biglietto del battello in seconda classe, nessuno controllerà una volta che sarete saliti quindi il costo in più non si giustifica. Sicuramente atterrare in Tanzania è più scomodo, ma a mio parere non va assolutamente sottovalutato il fascino dello spostamento via mare, utilizzando un mezzo per lo più utilizzato dagli autoctoni e che quindi permette di entrare subito in contatto diretto con loro. Inoltre  è un modo per dare già dall’inizio un sapore più autentico al proprio viaggio.

viaggio low cost zanzibar, africa

Una volta acquistato un volo aereo molto conveniente, il resto dell’organizzazione di un viaggio low cost è tutto in discesa!
Per i pernottamenti si può anche decidere di prenotare tutto dall’Italia, anche perché le distanze sono brevi per cui l’itinerario è facilmente pianificabile da casa e difficilmente ci saranno grossi contrattempi che impediranno di rispettare la tabella di marcia. Il vantaggio di prenotare prima di partire consiste nella possibilità di confrontare tantissimi prezzi e, magari, attendere delle offerte. Resta comunque il fatto che Zanzibar offre tantissime soluzioni per il pernottamento, sia nella capitale che lungo tutta la costa. Inoltre, tutte le strutture in cui abbiamo pernottato noi, avevano stanze libere, per cui non c’è il rischio di non trovare un posto dove sistemarsi.

E sfatiamo il mito secondo cui a Zanzibar ci sono solo villaggi turistici: nulla di più errato! Piccole e semplici strutture, pulite e curate, si possono trovare ovunque sull’isola. In alta stagione, spendendo 15/20€ a notte a testa, si può soggiornare in posti incantevoli. Ne cito uno su tutti, quello che più mi ha colpita tanto da sentirmi realmente in paradiso: Baraka Aquarium Bungalows a Nungwi. Composto da soli 4 bungalow immersi nella foresta, un incantevole laghetto centrale in cui vive una simpatica famiglia di tartarughe marine, la colazione servita direttamente sul proprio terrazzino e la spiaggia a non più di 3 minuti a piedi. Un paradiso a 20€ a persona!

viaggio a zanzibar

Per risparmiare sugli spostamenti interni si possono utilizzare i ‘dalla dalla’, il loro servizio di navette locale. I dalla dalla collegano tutti i villaggi dell’isola. Certo è necessario armarsi di tanta pazienza perché gli spostamenti possono risultare molto lunghi e gli orari di arrivo e partenza molto inaffidabili. Spendendo un po’ di più ci si può organizzare contrattando gli spostamenti con i taxisti: come in molti posti, il prezzo da pagare è solitamente un terzo di quello che vi verrà proposto alla loro prima offerta. Se si riesce a condividere lo spostamento con altri viaggiatori, allora il risparmio sarà notevole! C’è ancora una soluzione molto economica adatta agli spostamenti più brevi: affittare una bicicletta. Durante le ore di bassa marea è addirittura possibile percorrere con la bici tutte le lunghe spiagge presenti sull’isola!

viaggio fai da te in zanzibar

Per spendere poco non è necessario rinunciare a nessuna delle escursioni proposte anche perché vale la pena di farle tutte per scoprire ogni angolo di questo piccolo paradiso. E’ importante organizzare però queste escursioni per conto proprio, senza affidarsi alla struttura nella quale si soggiorna. Ci si può accordare con uno dei tantissimi ‘beach boys’ che si incontrano sulla spiaggia o, se si tratta di una visita di un villaggio o della visita alla piantagione di spezie, o ancora alla foresta di Jozani, è sufficiente accordarsi con un driver … sempre contrattando il più possibile!

escursioni a zanzibar

Per mangiare non si spende molto. Zanzibar è mediamente più cara della Tanzania, ma nonostante questo si possono mangiare abbondanti piatti di pesce tutti i giorni spendendo non più di 6/7 € a testa. A Stone Town, la capitale di Zanzibar, si può inoltre scegliere di cenare nei suggestivi giardini di Forodhani scegliendo la propria pietanza in una delle tante bancarelle. Anche questa risulta una buona soluzione economica per un ottimo ed insolito pasto!

viaggio a zanzibar

Con le dovute accortezze, Zanzibar diventa una meta accessibile per tutte le tasche, una sorta di paradiso a portata di mano!

The following two tabs change content below.
Elena

Elena

Vive a Torino, città che ama profondamente, e dove si occupo di advertising. Ma nonostante questo amore per la sua città sente l'esigenza di scappare lontano da lei per scoprire altri nuovi splendidi luoghi. Crede profondamente che viaggiare sia una forma d'arte e che più il viaggiatore sviluppa curiosità, fantasia e originalità, più saprà creare itinerari di viaggio meravigliosi.
Elena

Latest posts by Elena (see all)

4 Commenti

  1. Bellissimo e utilissimo post, grazie eletrotter, ne farò tesoro per organizzare un viaggio in questa meravigliosa isola che da tempo ho in progetto di visitare! Mi sai dire su quali compagnie è meglio orientarsi quando si cerca il volo? grazie

  2. Ciao,vorrei andare a Zanzibar con lo zaino.Quanto costa il battello dalla Tanzania e quante ore di viaggio ci sono?
    Indicativamente qual é il prezzo delle escursioni?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here