Oktoberfest: istruzioni per non farsi svuotare le tasche

La festa della birra più popolare d’Europa attira ogni anno milioni di persone a Monaco di Baviera al punto che il 70% della produzione annuale delle birrerie tedesche è concentrata in quei quindici giorni. Loro lo sanno bene e, ovviamente, ne approfittano, alzando i prezzi in maniera spropositata. Infatti la cosa che più ci ha lasciato sconcertati quando ci siamo informati sulla festa più famosa d’Europa, sono stati proprio i prezzi. Per nostra fortuna però siamo riusciti a cavarcela, trovando il modo di non farci svuotare il portafoglio.

Il primo consiglio che mi sento di darvi è che, se decidete di andare là in coppia, una giornata è più che sufficiente, perciò non sprecate soldi per stare là una o due notti ma optate per una delle opzioni solo viaggio in pullman. Noi abbiamo scelto proprio questa, siamo arrivati alle 7 del mattino e ripartiti alle 4 del mattino dopo, ed è stato più che sufficiente.
Se invece siete un gruppo di amici/che che hanno tutto l’intento di divertirsi, l’Oktoberfest potrebbe trasformarsi nel paese dei balocchi.

festival birra

Il viaggio: il costo del viaggio dipende molto dalla città da cui partite e da quanti siete. Sconsiglio però la macchina, a meno che non abbiate un astemio con voi. Mettersi alla guida dopo aver passato uno, due, tre giorni a bere e a dormire poco o niente non è certo un’idea geniale. L’aereo, a meno che non lo prenotiate al massimo quattro mesi prima, ha costi decisamente eccessivi. Noi siamo partiti in pullman, nessun problema di guida e costo molto basso, anche rispetto alla macchina (noi siamo partiti da Roma con ‘birramaniaci’: €89 inclusa assicurazione medico/bagalio, la loro maglietta, un vademecum e una guida all’Oktoberfest!)

La birra: questa è la nota dolente. Nei tendoni 1 litro di birra ve lo fanno pagare €9.50. Si, lo so che in Italia ha lo stesso costo al pub, ma generalmente al pub un litro di birra si divide, oppure si prende solo quello e basta. All’Oktoberfest si tratta di prendere un litro dopo l’altro (o almeno sono quelle le intenzioni quando si decide di andarci). Non posso dirvi di evitare i tendoni, perché sono l’anima della festa. Se potete però, cercate di arrivare a Monaco la mattina molto presto (considerate che aprono alle 9, ma già dalle 8 fuori troverete una fila infinita. Noi siamo arrivati lì fuori alle 7.30 e siamo riusciti ad entrare alle 10), mettetevi in fila, prendete posto e ordinate la prima birra. Fate pure la classica colazione da Oktoberfest: birra e pretzel! Anche i pretzel ve li faranno pagare cari, ma con uno potete mangiarci abbondantemente in due: dividete!

birra e pretzel
Bevuta la prima birra, dopo aver brindato e cantato, lasciate il tendone e dirigetevi al centro di Monaco, verso la Hofbrauhaus o la Augustiner, o una qualsiasi altra birreria. Qui potrete avere anche birre da mezzo litro (nei tendoni la vendono solo da un litro), è più buona e la pagherete meno della metà. E credetemi, l’atmosfera è la stessa dei tendoni, se non addirittura migliore! Si canta, si brinda al ritmo di “Ein prosit” con gli sconosciuti, si beve e si ride.

Il cibo: vi dico solo che al prezzo di uno stinco di maiale nel tendone ne abbiamo presi tre alla Hofbrauhaus, la storica birreria di Monaco. Serve aggiungere altro?
Cercate di fare un solo pasto “al tavolo”. Per il resto, optate per fare la spesa da casa e portare i panini, oppure scegliete Starbucks, Mc Donald o qualcun altro dei numerosi fast food che si trovano a Monaco, molti dei quali vendono anche cibo tipico bavarese, ma a prezzi molto più umani.

Qualche altro consiglio sulla festa: evitate i bagni nei tendoni, ma andate piuttosto a quelli indicati dalle statuine di cupido (si pagano, ma ad offerta volontaria: 50 centesimi che vi salveranno da tre o quattro malattie diverse ;P).

stand e birraNon cercate di trovare tavoli vuoti, sono come i miraggi nel deserto. Approfittate dei primi posti liberi, è anche il modo migliore per fare amicizia! Ovunque voi andiate, nei tendoni o alle birrerie, non vi serviranno se non siete seduti. Se proprio non trovate nemmeno un posto, cercate un tavolo con gente simpatica, possibilmente italiani, e chiedete di ordinare anche per voi. Ah, portatevi anche bottiglie d’acqua da casa, a Monaco non la troverete e chi la vende ve la farà pagare più della birra!
Se non si esagera, la birra rende tutti fratelli… e la cosa più bella dell’Oktoberfest è proprio questa atmosfera che si respira, una festa e un luogo dove tutti si sentono amici e compagni di bevute, dove non importa l’età, il sesso o la razza, ma l’unica cosa che conta è ridere, cantare, bere e mangiare tutti insieme in allegria!

The following two tabs change content below.
Lucia e Nunzio

Lucia e Nunzio

Sono una coppia giovane, vivono a Roma, lei lavora come impiegata e lui nel campo informatico. Il loro primo appuntamento è stato un viaggio, che ha dato il via a molti altri. Riescono a sentirsi veramente vivi solo quando viaggiano, e il loro sogno è di girare il mondo in sella ad una Harley-Davidson, zaino in spalla e reflex al collo. Gli piace l’avventura e si sono imposti una sfida: finire sul serio la lista delle cose da fare. Il loro blog Viaggideimesupi.com
Lucia e Nunzio

Latest posts by Lucia e Nunzio (see all)

5 Commenti

  1. ciao Lucia
    grazie per questo bel post, mi ha ricordato la mia esperienza all’Oktoberfest qualche anno fa; ho avuto il privilegio di essere accompagnata da amici tedeschi di Monaco, che hanno prenotato un tavolo, il che ha reso tutto più semplice e comodo, ma posso testimoniare l’atmosfera di grande cameratismo che si respira ovunque; hanno accettato persino una astemia completa come me, che ha tracannato solo bibite analcoliche 🙂 ma le risate me le sono goduta lo stesso!

  2. Qualche consiglio in più: noi siamo di solito in 8,noleggiamo un furgone e dividiamo le spese.Prenotiamo a gennaio l’hotel quindi abbiamo una vasta scelta,oramai andiamo sempre nello stesso,cercate nei paesini appena fuori Monaco,quelli serviti dalla metrò,30 euro a notte,bagno in camera con la colazione (mega!) al mattino!!Con la metro siamo a Teresenwiese in 15 minuti!Il mass costa 9.50 ma si lasciano 10 euro.Nelle birrerie in centro tipo HB la paghi 8 euro,all’Augustiner 7.50,in HB bella atmosfera,in Augustiner normale comunque nemmeno paragonabile ai tendoni!Nei tendoni se ci sai fare ti servono anche in piedi,basta trovare la cameriera giusta…Per mangiare basta uscire dai tendoni e si trovano una miriade di chioschi che servono panini di tutti i tipi ed altre pietanze a prezzi normali.Io sono anni che ci vado ma di malattie non ne ho mai prese,basta non toccare niente nei bagni non facciamola così tragica,d’altronde ci sono dalle 6000 alle 10000 persone nei tendoni!Noi facciamo 3 notti,e vi garantisco che fare la doccia,una buona dormita e un ottima colazione ti mette in condizione di affrontare una lunga giornata di birre!!

  3. Chissa’ perche’ l’Oktoberfest non mi ha mai attirato piu’ di tanto… a si, forse perche’ sono quasi astemia 😀 ma chissa’ magari un giorno organizziamo un bel pullman e ci andiamo tutti insieme cosi’ da ricredermi
    Grazie per queste preziose “insights” di una delle feste piu’ popolari d’Europa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here