Istanbul, cosa fare nella ‘città mondo’

Sita tra il Corno d’oro e il Bosforo è l’unica città al mondo che si innalza fra due continenti: l’Europa e l’Asia. Accompagnata dai ricordi e le cicatrici di una storia che l’ha vista capitale di tre differenti imperi (romano, bizantino e ottomano), Istanbul oggi sembra un grande esperimento sociale. La convivenza secolare di genti differenti, seppure con qualche difficoltà, ha dato vita ad un patrimonio culturale, architettonico e intellettuale senza confronti.

Un mosaico di diversità che si intrecciano, si scontrano, si fondono… Un collage di convivenze che tratteggiano un cosmopolitismo assoluto. Non è oriente, non è occidente eppure il suo volto è così europeo.

Istanbul

Affascinante, incantevole, seducente e immensa… Istanbul offre ai turisti migliaia di attrazioni e opportunità. Per iniziare a conoscerla ci vorrebbero mesi, per apprendere i suoi misteri anni, ma immagino che anche voi, se come me dovete “lavorare per vivere”, non abbiate a disposizione tutto questo tempo. Quindi… se  state programmando la vostra prima volta ad Istanbul, o il vostro ritorno, di seguito trovate la mia piccola lista di “COSE IMPERDIBILI” da fare e vedere.

•    Topkapi Palace – Topkapi Saray

Descritto come il più bel palazzo mai creato, sembra la porta di accesso al mondo  descritto nel “Le mille e una notte”. Un tempo dimora dei sultani ottomani e centro del potere politico e religioso, oggi è una delle attrazioni principali in città.

E’ diviso in cortili e per visitarli tutti ci vorrà circa mezza giornata, se non ci sono troppi turisti, altrimenti bisognerà fare la fila per ogni stanza. Molto suggestive le stanze del tesoro e quelle del consiglio. Rivelatrici quelle dell’harem, dove vi renderete conto della grande influenza femminile  nelle questioni di stato. Tentatrici le fontane.
•    Museo dell’Arte Islamica – Türkive Islam Eserleri Müzesi

Museo d'arte Islamica, Istanbul

La straordinaria collezione avvicina a una concezione di arte molto distante da  ciò a cui siamo abituati  a vedere. Tappeti, calligrafie, miniature, corani e ceramiche aprono la mente in maniera piacevole.

•    Grande Bazar – Kapali çar

Mercati di Istanbul
El-kasibu habibullah – L’uomo che pratica il commercio è amato da Dio”. Una città nella città: 64 strade, 2 moschee, una biblioteca, 2 hammam, 16 banche, oltre quattromila negozi distribuiti su una superficie di 307mila metri quadri. 25 mila venditori  (tutti uomini) che nei week end devono cavarsela con una media di 400 mila visitatori al giorno. Qui si vende di tutto: oro, tappeti, spezie, tè, abbigliamento, dolci. È il luogo ideale per comprare souvenir, ma attenti a non farvi fregare. Trattare il prezzo è la regola visto che molti articoli si possono trovare per le vie della città ad un prezzo decisamente inferiore.

Grande Bazar, Istanbul

Se non siete troppo stanchi della confusione dopo il Grande Bazar visitate il mercato delle spezie, alias Bazar Egiziano – Misir Çarsisi.

•    Basilica Cisterna – Yerebatan Sarayi o Sarnici

Basilica Cisterna, Istanbul
Misteriosa, buia, incomprensibile, ma al contempo in grado di stregare con il suo aspetto mistico è la più grande cisterna di Istanbul. 140 metri per 70, 12 file di 28 colonne alte circa 10m. Costruita con materiali di riuso è un misto di stili architettonici e decorativi.

•      Sultan Ahmet Camii

Moschea Blu Istanbul Topkapi Palace

L’unica moschea con sei minareti è seconda solo alla Ka’ba della Mecca. Soprannominata la Moschea Blu per via delle ceramiche che decorano la cupola è illuminata da 260 finestre che regalano alla stanza della preghiera un aspetto mutevole in base all’ora del giorno.

•    Giro in Taxi

Giro in taxi a Istanbul
Vi renderete conto che la tangenziale di Milano, nelle ore di punta, è una cosa per principianti. Qui il traffico è davvero un Babilonia. Ognuno fa quello che vuole: c’è chi si ferma  a prendere un te, chi scende dalla macchina per parlare con i conoscenti , chi parcheggia dove vuole. Armatevi di pazienza, allegria, arrendevolezza e prendete un taxi (taksi) solo per il gusto di testare il peggior traffico del mondo.

•    Una cena gourmet

Cena Gourmet Istanbul

Cenare fuori a Istanbul è molto più economico che in Italia. Approfittate del cambio lira turca/euro favorevole e regalatevi una cena gourmet in un ristorante elegante. La cucina ottomana vi stupirà con i suoi abbinamenti, i suoi vini e  suoi sapori. Ricordo ancora con grande piacere la pasta sfoglia fritta con formaggio di capra, piselli e miele (Balli gemici böregi); le melanzane affumicate, gli spiedini carne (Kebabi), lo stufato di verdure  e i fichi mangiati al Matbah Restaurant, un ristorante che mi sento di consigliarvi non solo per l’ottimo cibo ma anche per la gentilezza del personale e l’atmosfera romantica.Sito sulla terrazza dell’ Ottoman Hotel Imperial regala una vista unica sui tetti della città vecchia.

•    Crociera sul Bosforo

Istanbul - crociera
Assolutamente da fare, ma evitate di comprare i biglietti in albergo e o dai venditori per le vie della città. I traghetti partono dal molo adiacente il ponte di Galata e con 10 lire acquisterete un escursione in battello che dura circa tre ore e mezzo. Ammirerete i diversi skyline della città, le bandiere turche sventolanti, i bellissimi ponti  che attraversano lo stretto, le residenze estive dei miliardari e capirete quanto è immensa la città. Vi innamorerete ancora di più di Istanbul e rimarrete colpiti dalla luce accecante che caratterizza questa città.

Istanbul

 

•    Cay e baklava

baklava - food Istanbul
Tra un’attrazione e l’altra concedetevi un pizzico di dolce vita turca sedendovi in un pasticceria. Ordinate Baklava e cay (tè) senza sensi di colpa. Le calorie sono tante, ma ci penserete al vostro rientro! Fra quelle provate le mie preferite sono: Hafiz Mustafa e Karakoy Gulluoglu
•    I pescatori di Galata

I pescatori di Galata

Sui pescatori di Galata bisognerebbe scrivere una canzone. Voi trovate un posto dove sedervi e osservateli. Infondono pace e riportano indietro nel tempo.

 

Il ricordo di Istanbul è indelebile e mentre scrivo questo articolo… la nostalgia prende il sopravvento. Non vedo l’ora di tornare!

 

The following two tabs change content below.
Cristina B.

Cristina B.

29 anni, lavora in un studio di ingegneria vicino Milano, workaholic. Nel “troppo poco” tempo libero le piace sedersi nei ristoranti, viaggiare per l’Europa, vistare musei, cucinare. Si definisce una foodie curiosa e il blog, RoundTripTicket.me, è il suo diario di viaggio.
Cristina B.

Latest posts by Cristina B. (see all)

5 Commenti

  1. Articolo interessante! wow Istanbul è davvero una città affascinante! Proprio una bella esperienza da fare! Spero di avere la possibilità di visitarla presto!

  2. Grazie mille! Sono davvero felice che l’articolo vi sia piaciuto! Dire che Istanbul è magnifica è riduttivo. Le cose da fare sono veramente molte… Il mio consiglio è quello di stare almeno 7 notti! Perché quando arriverete a casa la malinconia sarà a livelli esagerati! A presto 🙂 Cristina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here