One Happy Island: Aruba

A circa 20 km di distanza a nord delle coste venezuelane si trova l’isola di Aruba, conosciuta come One Happy Island così come si evince dalle targhe delle automobili a causa della giovialità degli abitanti e del clima festoso che vi si respira tutto l’anno.

L’isola si trova a 12 gradi a nord dell’equatore ed è larga 9 km per 30 km di lunghezza.

E’ visitabile tutto l’anno senza possibilità di soffrire l’afa, visto che imperterriti soffiano i venti alisei che ne rendono il clima davvero gradevolissimo 365 giorni all’anno (28 gradi è la temperatura media) e non viene mai colpita dagli uragani.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

L’isola di Aruba è suddivisa in distretti, ognuno dei quali ha una sua chiesa, una sua banca e un distributore di benzina.
La lingua parlata dagli abitanti è il papiamento, un insieme di ben 8 lingue tra le quali l’inglese, lo spagnolo, il portoghese e l’olandese anche se la lingua ufficiale è proprio quest’ultima, visto che nonostante la vicinanza al Venezuela l’isola fa parte delle Antille Olandesi e ne mostra la totale somiglianza soprattutto negli edifici presenti nella capitale: Oranjestad.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

Nella capitale esistono numerosi mercatini di artigianato locale e tanti negozi in cui è possibile acquistarne senza tasse i diamanti: questo fa  di Aruba la meta più richiesta degli americani. Ci sono diversi mall al cui interno spiccano luccicanti questi oggetti del desiderio da cui diversi gioiellieri hanno preso spunto per la creazione di nuovi motti di vita come: “Un diamante al giorno toglie il divorzio di torno”, oppure “una moglie felice rende la vita felice”.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

La prima parola che si impara sull’isola è BON BINI che in papiamento vuol dire benvenuto e tra le particolarità che affascinano il turista è l’utilizzo di una delle monete locali, l’unica al mondo ad essere quadrata, si tratta dello yotin. In realtà per effettuare ogni tipo di acquisto è accettato ovunque il dollaro americano, ma addentrandosi nei locali meno turistici ed avendo a che fare con la gente del posto lontani dai resort di lusso si può entrare a contatto con la vita che scorre nell’isola felice utilizzando il fiorino arubano.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

Sull’isola esiste un albero unico al mondo: meglio conosciuto come il Divi Divi, l’albero watapana è riconoscibile dalla sua particolare inclinazione dovuta al soffiare costante degli alisei. Molto suggestivo è il tronco dell’albero estremamente contorto ed imponente ancorato in riva al mare.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

Ad Aruba si trovano le piantagioni di Aloe, quella utilizzata in numerosi prodotti cosmetici ed omeopatici. La pianta tipica del posto è disseminata ovunque, e sono davvero tanti i negozi che vendono prodotti come le creme solari prodotti sull’isola e confezionati in bottiglie di plastica riciclata.

Per quest’isola il rispetto dell’ambiente è molto importante, infatti ci sono molti hotel a bassissimo impatto ambientale e dotati di materiali ecosostenibili. Pur essendo molto piccola sull’isola è presente una raffineria di petrolio e un impianto di desalinizzazione dell’acqua che è il secondo al mondo per grandezza. L’acqua del mare caraibico viene destalinizzata e depurata, pertanto quella che esce dai rubinetti è potabile e davvero gradevole.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

Ciò che colpisce di Aruba sono le sue meravigliose spiagge; sono tutte pubbliche, solo il Renaissance Hotel presente nella capitale è dotato di spiaggia privata.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi
La fantastica Eagle Beach che si trova nella zona nord dell’isola, nel distretto di Noord è costituita da una spiaggia soffice e bianchissima che si affaccia su un mare meravigliosamente cristallino. E’ la spiaggia dei resort di lusso, meno commerciali, ed è separata dalla più conosciuta Palm Beach da un tratto di costa roccioso.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

A sud dell’isola invece è stupendo immergersi nelle calde e basse acque di Baby Beach ideale per far fare snorkeling anche ai bambini. Quest’ultima è raggiungibile con dei quod che si possono affittare dopo aver percorso la costa est dell’isola in cui è possibile ammirare alcune delle attrazioni che Aruba presenta.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

Parliamo del California Lighthouse, un vecchio faro vicino al quale un nostro connazionale ha aperto un ristorante estremamente gettonato e costoso, e l’ AltoVista Chapel, una cappella dedicata alla madonna oggetto della venerazione degli abitanti del posto e presso la quale si realizzano le celebrazioni pasquali.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

Nella costa est molto frastagliata c’è anche il Natural Bridge che è meglio visibile quando le onde dell’oceano sono meno alte, cosa un po’ difficile visto che il mare è sempre mosso dato il forte vento che soffia sempre.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

Durante il tour dell’isola ciò che ci ha molto colpito è anche il cimitero dei residenti. Le cappelle sono tutte variopinte, dello stesso colore della casa dell’uomo quando è in vita; così si vuole creare un continuum tra la vita e la morte.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

Il calore e la tranquillità dell’isola lasciano il visitatore entusiasta di panorami e tramonti speciali, ideali per una vacanza in estremo relax.

Aruba, vacanze ai Caraibi nelle Antille Olandesi

 

Info utili
Come arrivare: per arrivare ad Aruba si vola dall’Italia con KLM via Amsterdam; il costo del volo prenotato in anticipo è di €800 andata e ritorno;
Dove dormire: le strutture per il soggiorno sono del genere più disparato: si affittano ville e appartamenti nei condomini fronte mare, ci sono i resort di lusso, ma anche i grandi hotel all inclusive con 500 camere a disposizione…. Una vasta scelta per ogni esigenza di vacanza.

 

The following two tabs change content below.
Flavia e Lorenzo

Flavia e Lorenzo

Flavia vive a Lucera, cittadina in provincia di Foggia, Puglia, e lavora in banca. Con il marito condivide una grande passione per i viaggi. Loro non vivono per viaggiare, ma viaggiano per vivere, perchè solo con i bagagli pronti e un volo prenotato riescono ad essere felici ed appagati. Il mondo è immenso e contano di riuscirne a visitare buona parte.
Flavia e Lorenzo

Latest posts by Flavia e Lorenzo (see all)

8 Commenti

  1. Leggere i tuoi articoli e’ come raggiungere per un attimo sfuggente posti lontani di una bellezza unica. Un’isola felice, un’isola dove tutti (o quasi vorrebbero vivere), penso che la ricetta della felicita’ sia proprio questa:accontentarsi di cio’ che la natura offre senza per forza volere di piu’. Dal tuo racconto capisco che sono molto “avanti”, soprattutto per l’occhio di riguardo per l’ambiente! Grazie per avermi portato con voi un’altra volta 🙂

  2. E’ da un po’ che seguo questo blog perche’ amo viaggiare! Io non ho mai organizzato un viaggio da sola,mi spiego meglio: sono un po’ insicura e per ogni mio viaggio mi affido alle agenzie. Lo so che a volte il prezzo delle agenzie e’ piu’ elevato del “fai da te”, che consiglio mi dai per fare questo “salto” e cominciare ad organizzare il tutto per conto mio? Siete dei grandi viaggiatori, grazie per crearmi sempre nuovi sogni 🙂

  3. Molto bello e saprà tutto interessante il tuo articolo, ma ciò che più mi chiama la attenzione sono i vari parallelismi che ha l’ isola de Aruba con le isole di Canarias dove sono in questo momento. Gli alisei, le Sabine alberi con lo stesso comportamento che il Divi Divi di cui parli, le spiagge, i vari colori delle case, il Natural Bridge similare a gli archi naturali di Arico e Fasnia in Tenerife, cosi come la presenza di campi di aloe.

  4. Ciao Lucia ciò che conta più di tutto nell’affrontare un viaggio fai da te è innanzitutto raccogliere il numero maggiore di informazioni possibile. Internet ormai ci agevola moltissimo in questo e, in particolare, se vuoi trascorrere una meravigliosa vacanza ad Aruba ti consiglio di prenotare il volo sul sito italiano di klm e per il soggiorno puoi dare uno sguardo su http://it.aruba.com/…. Il paradiso è alle porte!!!!

  5. Non vediamo l’ora di ricevere, anche noi, il BON BINI in questa meravigliosa isola. Come sempre, sapete descrivere ed illustrare con particolare maestria, città , storia e cultura dei vostri viaggi, fatti con competenza e professionalità, saggiamente ed intelligentemente qui riportate. Grazie Mario & Anna.

  6. Carissimi Mario e Anna Maria vi ringraziamo per gli apprezzamenti sul nostro post e vi auguriamo di poter presto trascorrere una rilassante e meravigliosa vacanza in questa straordinaria terra.

  7. Bellissimo post! Ho tanto sentito parlare di Aruba ed ogni volta ritona il desiderio di andarci immediatamente!
    Il racconto fa la sua parte, soprattutto quando si parla della felicità ritrovata nelle cose semplici 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here