“Very Puglia”: quelle tre cose che spiace per gli altri, ma si trovano solo lì

Oggi voglio raccontare di tre cose che secondo me sono “very Puglia”, o almeno questa è l’idea che mi sono fatta durante il weekend che ho trascorso nel tacco del nostro stivale; ci fosse qualche local che ha appunti o precisazioni da fare è pregato di farsi avanti, che magari aggiungiamo anche dell’altro e allunghiamo la lista!

Dicevamo tre cose, quali?

 

Le masserie, innanzitutto, come non nominarle.
Ne ho visitate due che sono innanzitutto dei progetti ambiziosi: Accetta Grande e Vigneto Amastuola.
Giuseppe e Filippo Montanaro mi hanno accompagnata all’interno di idee che ribollono senza fermarsi a prendere respiro, perché da fare ce n’è sempre.

Masserie Puglia

Queste masserie sono posti dove pare quasi di toccare con mano la storia che ci è passata, dove ti ritrovi a tu per tu col letto dello stalliere, che fortunato lui poteva dormire insieme ai cavalli, almeno se ne stava al caldo, dove sali fino in cima e quello che ti si apre davanti agli occhi è uno stupendo panorama abitato di ulivi e viti che se ne stanno nei loro filari a farsi coccolare dal vento. Provate a pensare cosa dev’essere una cena davanti a questo spettacolo, in una sera d’estate! Da copertina di mensile di viaggi.

Masseria Amastuola Puglia

Ma veniamo alla seconda cosa: la ceramica di Grottaglie.

Grottaglie ceramiche

Grottaglie è un paese che se ne sta comodamente appoggiato su di una collina nel tarantino. All’interno del suo centro storico scavato nel tufo ci si ritrova faccia a faccia con quello che è conosciuto come il quartiere delle ceramiche: un susseguirsi di botteghe e laboratori dov’è possibile fermarsi a rubare qualche segreto e guardarsi attorno per toccare con mano la maestria di chi certe cose le fa davvero da una vita e forse più. Se siete qui attorno e avete delle curiosità di qualsiasi tipo, chiedete: le persone sono disponibili a raccontarsi.

Grottaglie ceramiche Puglia

Io confesso di essermi fatta anche un paio di regali, che ci volete fare, difficile resistere (a questo proposito segnalo il Laboratorio Ciro Fornaro, che a salvare il mio portafoglio sono state giusto le restrizioni del bagaglio a mano Ryanair).

La terza cosa “very Puglia” sono i riti della settimana santa, perché sì, senza farlo apposta ci sono capitata proprio in quel frangente; da umile profana confesso che ignoravo tutto questo mondo di tradizioni affondate in un passato di dominazioni più o meno straniere.

Processione Taranto

A Taranto, ad esempio, il venerdì santo si svolge la Processione dei Misteri, che è solo uno dei tanti eventi che precede la Pasqua: organizzata dalla Confraternita di Maria SS del Carmine, percorre il centro cittadino e dura ben 15 ore!
I partecipanti indossano gli abiti delle proprie congregazioni e camminano scalzi per le vie della città: è semplicemente impressionante, c’è tutto un mondo che in queste occasioni si ferma e rimane come sospeso, attaccato ad un tempo che scorre con una lentezza che non è mai stata di questa epoca.

 

Eccole le famose tre cose, che ne dite, soprattutto voi pugliesi: ci può stare?

 

Prima di chiudere però vorrei aggiungerne una quarta in barba al titolo, stavolta personalissima, ma ci tengo davvero: i taralli di Ezio. Non ne ho mai mangiati di così buoni e non glielo dirò mai abbastanza: grazie ancora!

 

The following two tabs change content below.
Cabiria TriporTreat

Cabiria TriporTreat

Maledettamente curiosa, ha trovato nei viaggi e nella scrittura quello che le permette di tenere un po’ a bada il suo spirito irrequieto che la mette alla prova da trent’anni. Ama i libri, la cucina e tutto ciò che è bello (dicono che è perché sia bilancia, ma ci crede poco). Da pochissimo nel mondo dei blog - la trovate su www.triportreat.it - ci si è buttata con tutte e due le scarpe, dopodichè starà a vedere che succede!
Cabiria TriporTreat

Latest posts by Cabiria TriporTreat (see all)

5 Commenti

  1. ahhaha @CabiriaM questa è una dichiarazione di guerra con @Marta&Chris, che hanno ancora il sapore dei taralli in gola mentre aspettano in aeroporto. Però è una scusa per tornare nella mitica #Puglia.

  2. Confermo e concordo con Chris… la Puglia in Tavola è più bella cattedrale che si possa… degustare :)… non solo… anche il soud, le manifestazioni (penso alla Notte della Taranta) e poi… il mare infinito! Da Pugliese posso dire di conoscerla bene avendo per fortuna visitato più di 200 città in passato in Puglia…adesso…la riassaporo per le vancanze… ogni anno… anche il prossimo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here