Parigi low cost

Parigi è una delle mete su parecchie liste di posti da visitare una volta nella vita ma, purtroppo, non è una delle più convenienti. Qui offro un pò di suggerimenti sui luoghi da visitare e caratteristiche di questa città immancabili che non vi facciano tornare a casa al verde.

Sorprendentemente, i punti ai quali vale assolutamente la pena andare sono ridotti nel costo: tutto il quartiere di Montmartre vi trascinerà nel passato della Belle Époque e, passeggiando tra gli innumerevoli negozietti di oggettistica e abbigliamento vintage, raggiungerete il punto più alto e lì troverete la Basilica del Sacré Coeur e un panorama mozzafiato sulla romantica Paris, alternativo a quello dall’alto della Tour Eiffel, che personalmente non ho visitato, perché oltre ad essere parecchio costosa, avrei dovuto aspettare molto per salire, data l’interminabile fila.

Parigi Basilica del Sacré Coeur

In riva alla Senna troverete delle caratteristiche bancarelle dove vendono libri chiamate bouquineries (bouquin è il termine gergale dell’ argot parigino che significa “libro”): qui regnano i libri usati e potrete andare alla ricerca di un libro a voi caro o di quella copia di Astérix o di Lucky Luke che desideravate da tempo.

Parigi

Un’altra attrazione a basso costo da non perdere sono i panifici, o boulangeries, del centro, ma sono certa che, come me, verrete trascinati al loro interno dal profumo irresistibile di pane appena sfornato e croissants caldi. Ho custodito il sapore di quei cornetti in fondo al cuore perché in Italia non ne ho mai trovati che reggessero il confronto con quelli francesi.

Vi sorprenderà molto il prezzo elevato dell’acqua in bottiglia in vendita a Parigi, tipicamente solo Evian o Perrier: portatevi l’acqua appresso, ordinate “eau du robinet” (acqua del rubinetto) oppure bevetevi una bella birra fresca, che normalmente è molto più conveniente dell’acqua.

Parigi

Se desiderate vedere qualche museo, un giro (seppur limitato) al Musée du Louvre è d’obbligo, ma è da vedere anche il Centre Pompidou, dove troverete collezioni di arte contemporanea.
Per tutti i minori e i cittadini UE fino a 25 anni, la maggior parte dei musei sono gratuiti o a prezzo ridotto. Per studenti over-25 le agevolazioni sono meno comuni, ma esistono giorni promozionali per tutti: il Louvre, ad esempio, è ad ingresso libero tutte le prime domeniche del mese e il 14 luglio, quindi è sempre consigliabile fare una piccola ricerca prima di partire, per evitare di pagare il biglietto intero!

n1580113778_90339_4842

Per rilassarvi a fine serata, potete concedervi una cenetta con un buon calice di vino per poi andare a dormire oppure andare dove vi porta il vento. Io sono andata a mangiare un boccone tra i banchi multietnici del Marché des Enfants Rouges, e dopo cena, andando a zonzo per le stradine che più mi ispiravano, ho trovato un jazz club molto caratteristico e una brasserie frequentata da parigini, e non mi sono mai sentita più vicina a questa città… passeggiare senza meta è un’esperienza da provare perché è qui che si creano i ricordi più belli.

Perciò, andate pure a Parigi senza preoccuparvi delle finanze e divertitevi senza programmare troppo. Risparmierete, è garantito, almeno fino a quando non deciderete di andarci a vivere!

 

The following two tabs change content below.
Marina

Marina

Ha volato prima di camminare, con il suo primo viaggio transatlantico a soli quattro mesi! È un'italo-americana bilingue e oggi parla anche spagnolo e francese, mentre studia portoghese e neogreco. Dopo oltre 60 viaggi in giro per il mondo, è ora accompagnata da un'insaziabile curiosità per le culture, le lingue e soprattutto i cibi di ogni Paese!

3 Commenti

  1. Parigi.. che sogno.. ci sono stata milioni di volte e non mi stufa.. 🙂
    Mi sai consigliare un hotel centrale ed a poco prezzo? Io ne ho cambiati molti ma sono tanti anni che non vado e non mi ricordo.. 🙂

    Grazie!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here