Una giornata di Safari al Moremi Game Reserve in Botswana

Il momento clou di un viaggio in Africa australe, inutile dirlo, è sicuramente quello del safari. Certi animali li conosciamo da sempre. Da bambini erano i personaggi dei nostri cartoni animati preferiti oppure i peluche con i quali ci addormentavamo la sera. Siamo poi cresciuti e i nostri compagni di gioco di pezza hanno preso sembianze più reali attraverso lo schermo televisivo. Ore ed ore di documentari ci hanno mostrato tutte le loro facce, da quelle più aggressive del momento in cui si procacciano il cibo a quelle più dolci di quando si prendono cura dei propri cuccioli. Ecco, per quel che mi riguarda, tutto questo non mi ha comunque preparata a sufficienza all’emozione che ho provato quando li ho incontrati realmente, nel loro habitat naturale, ovvero a casa loro. Nello specifico vi racconterò di due diverse “case”, necessariamente in due post, che sono il Moremi Game Reserve in Botswana e l’ Etosha National Park in Namibia.

 

Impala, Moremi game reserve

Leoni, Moremi Game reserve

Nel primo parco, io e gli altri compagni di viaggio, abbiamo trascorso un’intera giornata, vivendo momenti molto intensi in cui la natura si è manifestata senza veli. Al Moremi Game Reserve non è possibile entrare con i propri mezzi, ma si sale sulle jeep guidate dai guardia parco per fare il giro di tutta l’area. Questo aspetto ha un lato molto positivo: nessuno meglio di questi ragazzi conosce queste riserve e sa dove trovare gli animali e quali sono le aree in cui è possibile incontrare i grandi predatori che non sempre si palesano con molto piacere. I nostri incontri qui, infatti, non sono stati tanti, ma sicuramente di grande qualità. Le giraffe e le zebre sono state le prime ad accoglierci, quasi a porsi come sentinelle del parco. Ciò che le accomuna è l’eleganza e il muoversi fiero tra le sterpaglie della Savana. Mentre le prime però amano godersi anche momenti di solitudine e occupare da sole l’intera scena, le seconde preferiscono muoversi sempre in branco. Sia le une che le altre, non sono turbate dai rumori e tanto meno dalla nostra presenza, segno che, in questo parco, si sentono protette e l’uomo non rappresenta per loro una minaccia.

Giraffe Moremi Game Reserve

Arrivo però a quelli che sono stati gli episodi che hanno segnato la giornata. Le due jeep sulle quali il nostro gruppo era diviso ad un certo punto si sono arrestate e le nostre due guide hanno iniziato a sbracciarsi per indicarci una forma in movimento dietro gli arbusti. Quando questa forma si è palesata, i nostri respiri si sono arrestati e le reazioni sono state svariate: chi ha continuato a scattare foto a raffica sicuro di aver finalmente l’occasione di tirarne fuori lo scatto della svolta verso la celebrità, chi non è riuscito più a proferir parola e chi si è anche commosso. Davanti a noi uno splendido esemplare di ghepardo gravido immobilizzava in una stretta morsa un impala appena catturato e lo trascinava a terra ancora vivo ed ansimante. Questa è la legge della natura e tutti noi la conosciamo, ma è indubbio che a volte la natura si dimostra molto dura, o meglio, forse troppo dura per chi come noi non è avvezzo a scene di questo tipo. Resterà comunque una delle immagini simbolo del nostro viaggio.

Safari Africa Australe ovest 1227 Safari Africa Australe ovest 1223 Ghepardo, Moremi Game reserve

Ancora sgomenti, riprendiamo il cammino all’interno del parco e dopo poco ci ritroviamo a pochi metri dal maestoso re della savana sdraiato sotto un enorme albero. Al suo fianco, un’enorme carcassa di bufalo con la quale il leone si era saziato fino a pochi minuti prima. La vista non è stato l’unico senso interessato da questa scena, dal momento che l’olfatto è stato, suo malgrado, altro protagonista indiscusso: un odore acre ci ha infatti avvolti in pochi minuti, tanto da rendere la permanenza a quella breve distanza un po’ difficoltosa.

Leone, Moremi game Reserve

Ma il Moremi Game Reserve non aveva ancora finito con noi: l’ultimo regalo che ci ha fatto in questa giornata così intensa è stato quello di permetterci di vedere un leopardo in corsa attraversarci la strada. Credo che il leopardo possa essere considerato uno dei felini più belli data la sua eleganza, la sua agilità e la sua leggerezza nei movimenti. Mi spiace infatti non averlo visto meglio ma sono cosciente che siamo già stati molto fortunati.

La sera, intorno a al fuoco,ognuno esprime la sua opinione e condivide le emozioni provate di fronte a scene tanto forti quanto impressionanti. Tutti siamo comunque consapevoli che, dopo i peluche di pezza e dopo i documentari, vivere la realtà di questi splendidi animali era tutto ciò che potevamo desiderare.

 

 

The following two tabs change content below.
Elena

Elena

Vive a Torino, città che ama profondamente, e dove si occupo di advertising. Ma nonostante questo amore per la sua città sente l'esigenza di scappare lontano da lei per scoprire altri nuovi splendidi luoghi. Crede profondamente che viaggiare sia una forma d'arte e che più il viaggiatore sviluppa curiosità, fantasia e originalità, più saprà creare itinerari di viaggio meravigliosi.
Elena

Latest posts by Elena (see all)

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here