Australia: un viaggio tra le grandi metropoli

Sono stata in Australia per il mio viaggio di nozze, dunque, già l’occasione ha reso questa meta un posto indimenticabile, ma il vero motivo per cui l’isola più grande del mondo è un luogo unico è quella commistione di natura mozzafiato, animali bizzarri, città immense eppure godibilissime e una certa rilassatezza dei suoi abitanti che ci ha conquistati. In questo post parlerò delle grandi città, ma se avrete voglia di seguirmi, vi racconterò anche del magico outback, il deserto rosso australiano, e delle coste.

Pensare all’Australia significa associare subito Sydney con la sua incomparabile Opera House, il teatro dell’opera, situata a pochi metri dal mare. Sidney ha l’aspetto di una moderna metropoli, con i suoi grattacieli di vetro e cemento, ma è anche caratterizzata da immensi parchi naturali e giardini botanici. Tra le tante attrazioni, io e mio marito, abbiamo apprezzato la visita all’acquario & wildlife centre abitato da koala, canguri, wallabies, coccodrilli e squali, mentre per il pranzo ci siamo mischiati con gli australiani nel vicino mercato del pesce.

fish market di Sydney

Si mangia proprio ai banchi del pesce: dalla frittura al sushi. La sera, invece, abbiamo scelto un ristorantino economico in Chinatown, per poi assaporare il giorno seguente la nouvelle cousine australiana nella zona più trendy della città: Darling Harbour. Da Sidney abbiamo preso un traghetto per arrivare sulle spiagge dorate frequentate dai surfisti, come Manly e Bondi Beach, e abbiamo fatto un po’ shopping di costumi e articoli sportivi, i marchi più noti sono Billabong e Quiksilver.

Sydney, Manly Beach

Melbourne, invece, è la più europea delle città australiane. A dispetto di quel che noi italiani pensiamo, qui il caffè è una delizia: sia che si tratti del tradizionale long black, lungo nero e dal profumo intenso, sia che si opti per caffè alternativi. Io ho adorato il flat white, una sorta di cappuccino senza schiuma. Tra i tanti monumenti e i musei da visitare, c’è un posto assolutamente speciale: la vecchia prigione, dove abbiamo vissuto la  giornata-tipo di un detenuto nell’Ottocento, come il famoso Ned Kelly, un brigante alla Robin Hood che ha saputo affascinare generazioni di australiani, entrando nell’olimpo degli eroi romantici d’Oltreoceano.

Melbourne

Adelaide è la meta ideale per i wine lovers. Le sue colline verdeggianti, la Barossa Valley, sono famose per la produzione di vino e per la cucina di derivazione tedesca. Questo territorio, infatti, conserva le usanze degli antichi colonizzatori, compresi i piatti tradizionali.

Kangaroo Island

Noi abbiamo fatto sosta ad Adelaide per  andare nella splendida Kangaroo Island, la terza isola più grande del continente. Lungo il percorso si possono vedere canguri e wallabies che gironzolano per aree verdi e giardini. Le escursioni per questo parco nazionale partono tutti i giorni, attrazioni principali: i leoni marini tronfi di cibo e spiaggiati, le foche della Nuova  Zelanda, e svariati tipi di uccelli bizzarri tra cui i simpatici kookaburra.

La fauna australiana è davvero bizzarra, ma bisogna stare molto attenti ai moltissimi animali velenosi, e in alcuni casi mortali, che si possono trovare sulle spiagge o nelle zone verdi incustodite. Serpenti, conchiglie e meduse possono essere molto pericolose. Leggete sempre i cartelli di segnalazione ed evitate di toccare cose che non conoscete.

Un consiglio di viaggio? Prima di partire comprate il libro del giornalista Bill Bryson “In un paese bruciato dal sole” vi aiuterà a scegliere i luoghi da visitare.

 

 

The following two tabs change content below.
Valentina I.

Valentina I.

Viaggiare è uno strano incrocio tra preparazione e scoperta. Con un bambino piccolo e un altro in arrivo, lo spazio per l’improvvisazione si è limitato, ma non vuol dire che non si possano vivere avventure fantastiche - anche - coi pupi a seguito. Qui potete leggere delle sue peregrinazioni in giro per il mondo, sul suo blog Mammasfigata.wordpress.com, delle peripezie quotidiane che una mamma deve affrontare, oltre a qualche chicca su cosa fare nella sua città, Verona, con i bambini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here