Un angolo di paradiso in Finlandia

Ci sono luoghi nel mondo che valgono la pena di essere visti. Nella vita non si può essere sempre in giro per il mondo ma dopo questo viaggio, posso dire o meglio ribadire, che io nel corso della mia vita, farò di tutto per stare ferma il meno possibile. Perché si, c’è troppa magia nel mondo che vale la pena di essere vista. E’ così che inizio a parlarvi della Finlandia, un viaggio iniziato con un volo della Finnair da Milano.

In Finlandia c’è il verde più verde che io abbia mai visto, l’azzurro del cielo più azzurro di tutti, le nuvole più belle, la natura incontaminata, il silenzio della notte più particolare di tutti, la luce alle 2 del mattino….
Io amante delle metropoli, delle metropolitane e della confusione, sono partita alla scoperta di questi luoghi silenziosi, puri e surreali.

FINLANDIA

Arrivo a Kuhmo, una piccola cittadina nel bel mezzo della taiga finlandese, non molto distante dal confine russo.

Un viaggio insolito, letteralmente “into the wild”.

Sapevo sarebbe stato un tour intenso con un programma piuttosto impegnativo ma non mi aspettavo di rimanere tanto impressionata da quanta gioia e serenità sia in grado di trasmettere la natura. Paesaggi spettacolari, la luce anche in piena notte, i laghi e i riflessi nell’acqua, le avventure, gli animali predatori.

Sono arrivata all’ Hotel Kalevala verso sera, tempo di lasciare la valigia ed era pronta la cena, ma non ho mangiato al ristorante, bensì sulle rive del lago. L’hotel si trova infatti sul lago Lammasj e già la prima sera sono rimasta impressionata dalla bellezza del luogo e del paesaggio.

FINLANDIA blog tour-6

Una cenetta a base di patate, carne di renna e ribes e poi viaaa! Ero pronta ad affrontare la prima avventura, un giro in canoa!
Questa foto l’ho scattata con il cellulare. La nostra guida ci aveva detto che, a volte, dalla canoa si cade e allora ho ben pensato di lasciare la mia reflex al sicuro… però sappiatelo, non sono caduta a mollo!

Finlandia canoa

Già la prima sera mi è bastata per capire che avrei amato quei luoghi e che per quattro giorni avrei scattato foto ininterrottamente.

Il tramonto sul lago a mezzanotte… ma chi l’aveva mai visto?? E la luce alle 2 di notte che illumina il paesaggio attorno? Il viaggio era appena iniziato è già mi ero resa conto che sarei impazzita, impazzita di gioia come una bambina quando apre i suoi regali di Natale.

Nei quattro giorni trascorsi ho vissuto esperienze nuovissime per me: il giro in canoa, fare trekking con gli huskies, trascorrere quasi 5 ore in un nascondiglio aspettando di vedere gli orsi, vivere l’avventura del rapids floating (buttarsi in un fiume e farsi trascinare dalla corrente)… vi racconterò presto ogni dettaglio, però qualcosina ve lo anticipo adesso.

FINLANDIA blog tour-30

Questa foto l’ho scattata mentre cercavo di non farmi trascinare a terra dalla mia cara Hilda, l’euforico husky che mi ha accompagnato durante la passeggiata… eheh in realtà scherzo, è facilissimo! Ma un po’ di forza e voglia di correre è fondamentale!

FINLANDIA blog tour-45

E questa casetta invece la vedete? Sono stata chiusa lì per circa 5 ore. E’ un nascondiglio utilizzato per scrutare e osservare in totale silenzio la vita della foresta, nella speranza di vedere qualcosa o qualcuno che si muove. Purtroppo io non ho visto né orsi, né lupi come speravo, però ho visto e fotografato un Wolverine (in italiano conosciuto come ghiottone, un piccolo orso).

Ma vogliamo parlare dei paesaggi? E della luce? Avevo sempre sentito dire e sapevo che in Finlandia nei mesi estivi c’è luce fino a tarda notte ma vivere l’esperienza dal vivo è qualcosa di straordinario!!

Nei 4 giorni lì trascorsi, ho dormito circa 3 ore a notte… era impossibile dormire per me e non perché la luce mi desse fastidio, quanto perché non volevo dormire con tutta quella meravigliache mi circondava! Volevo cogliere ogni attimo, volevo imprimere nella mia mente ogni singola immagine. Alle 2 di notte passate il panorama che avevo davanti agli occhi era questo…

FINLANDIA blog tour-65

Come potevo andare a dormire? Era come se cercassi di salvare delle istantanee nella mia mente, volevo cogliere ogni sfumatura, ogni rumore, ogni odore. In piena notte, nel silenzio più totale, continuavo a ripetermi che io un posto così in vita mia non lo avevo mai visto….ed ero davvero incantata.

Tante cose viste in questi giorni, tante cose fatte, troppe cose da raccontare. Ho adorato tantissimo anche i finlandesi! La lingua è assolutamente incomprensibile, ma con l’inglese si chiacchiera tranquillamente e le persone che ho conosciuto, tra cui le nostre guide, mi sono piaciute tantissimo, tutti cordiali, simpatici e sempre molto disponibili.

Che dire..non smetto qui di scrivere, seguiranno altri racconti. Oggi però concludo dicendovi questo: viaggiando fin da quando sono bambina di posti ne ho visti tanto ma dopo questo viaggio la Finlandia passa davanti a tanti, posizionandosi tra i migliori luoghi visti.

Jump and touch the sky of Finland!!

jump

 

Info utili e curiosità

Come arrivare: per raggiungere Kuhmo dall’Italia, è necessario prendere un volo fino ad Helsinki (io sono partita da Milano con Finnair) e da Helsinki si vola con la compagnia Flybe per raggiungere la città di Kajaani. Da lì è necessario prendere un bus per raggiungere la citta di Kuhmo (un’ora e mezzo di viaggio circa). E’ vero, ci sono un po’ di cambi da fare e il viaggio non è brevissimo, ma vi assicuro che ne vale assolutamente la pena!!

Dove dormire e attività: vi consiglio di visitare il sito dell’ente www.wildtaiga.fi; dallo stesso è possibile sia prenotare dove dormire che le escursione e le attività disponibili.

Cibi e bevande da provare: la carne di renna, i ribes e i frutti di bosco che vengono utilizzati non solo per i dolci ma anche per piatti salati e come contorno. Da provare anche il liquore Kappa, fatto con una bacca soprannominata “cloudberry” per la sua caratteristica a forma di nuvola.

Un consiglio: soprattutto nel mese di giugno, ci sono tantissime zanzare, causa anche il numero infinito di laghi nel territorio. Non sono troppo aggressive, anche se un po’ fastidiose, però se volete, portatevi lo spray per tenerle un po’ lontane.

 

 

The following two tabs change content below.
Martina
Curiosa, creativa e un po' vagabonda, viaggia da quando è piccola e non riesce a pensare ad una vita senza valigia. E' nata a Ravenna, è follemente innamorata della California e della vita losangelina, ed attualmente vive a Barcellona dove scrive e fotografa per la città che ama. Nei suoi viaggi ama documentare ogni storia ed ogni esperienza attraverso i suoi scatti.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here