Un week end invernale in Carinzia… con tante idee anche per l’estate!

0

Durante il mio breve ma intenso viaggio in Carinzia nel week end dell’ Immacolata alla scoperta dei mercatini di Natale, ho avuto la possibilità di scoprire e apprezzare tanti aspetti di questa regione che prima neanche immaginavo.

Il capoluogo è Klagenfurt, bellissima città di cui vi ho parlato nel precedente post, ma tutt’ intorno al Woerthersee (il lago su cui questa città si affaccia), si trovano tanti altri graziosi paesi o piccole cittadine tutte da scoprire.

Un luogo davvero particolare che ho avuto la possibilità di visitare è il castello di Hochosterwitz, a pochi km da Klagenfurt. Questa affascinante costruzione, risalente all’epoca medievale, si trova letteralmente abbarbicata su una roccia calcarea, ad un’altezza di circa 150 metri.

1. ingresso al sentiero del castello

Il castello era raggiungibile solamente tramite un sentiero che costeggia la roccia su cui è costruito, e proprio per questo intorno all’ XI secolo veniva utilizzato anche dalla popolazione come rifugio contro le invasioni dei turchi. Nei secoli successivi vennero poi aggiunte ben 14 porte lungo questo percorso: una fortezza praticamente inespugnabile.

La sua posizione dominante sulle campagne circostanti regala al visitatore un panorama davvero incantevole, e anch’ io avrei potuto godere dello spettacolo se il 6 dicembre tutta la zona non fosse stata avvolta da una fittissima nebbia… Il panorama quindi l’ho potuto solo immaginare, ma vi assicuro che questa nebbia che avvolgeva il castello e lo faceva sembrare addirittura sospeso in aria, regalava a questo luogo un fascino veramente cupo e misterioso; meritava quindi di essere visto anche in questa particolare condizione atmosferica.

castello di Hochosterwitz, a pochi km da Klagenfurt

Il castello di Hochosterwitz è visitabile solamente da aprile ad ottobre, (mesi in cui è in funzione anche una funicolare, per chi volesse raggiungere la vetta un po’ più “comodamente”)  ma eccezionalmente, in occasione del week end dell’ Immacolata, il suo cortile è stato aperto al pubblico e allestito con bancarelle che vendevano prodotti tipici, dalle specialità gastronomiche carinziane all’ artigianato in legno, ai prodotti fatti con la cera d’ api, o con la lana.

castello di Hochosterwitz, a pochi km da Klagenfurt

Nonostante il cielo grigio all’ interno si respirava una calda atmosfera natalizia, con un fuoco al centro che regalava un po’ di calore, qualche musicista che suonava e l’ immancabile vin brulè a riscaldare gli animi.

castello di Hochosterwitz, a pochi km da Klagenfurt

Anche le campagne che si attraversano semplicemente percorrendo la strada che porta a Hochosterwitz mi sono sembrate davvero piacevoli: tutto è pulito, ordinato, colorato, ma ho trovato addirittura curiosa l’eleganza dei fienili/granai in pietra e legno che si trovano accanto a molte abitazioni di campagna. Nonostante abbiano la funzione di un semplice capannone, sono costruzioni curate, costruite tutte con un certo stile, osservateli quando vi capiterà di fare un giro in auto in questa zona della Carinzia!

Questi paesaggi rimandano ai luoghi di montagna, ma qui ci troviamo a poco più di 400 metri sopra il livello del mare, e addirittura ho saputo, cosa che nemmeno immaginavo, che in Carinzia si possono fare anche vacanze “balneari”! Proprio così…ho scoperto che il lago di Woerthersee nei mesi estivi ha una temperatura dell’acqua di 26-28 gradi, quindi si può davvero fare il bagno come al mare! Con una differenza però: l’acqua è talmente pulita che quasi si potrebbe bere!

In questo mio weekend dell’Avvento in Carinzia ho soggiornato per una notte al Parkhotel di Poertschach, uno dei tanti paesi che si affacciano sul lago. L’hotel si trova un po’ fuori dal centro, che però è raggiungibile con una bella passeggiata lungo le rive, ma è molto bella la sua posizione, perché è su una piccola penisola, per cui da tutte le camere dell’hotel si può vedere il lago.

E’ una struttura molto grande, costruita qualche decennio fa, ma tutta ristrutturata, con camere spaziose e molto accoglienti, in uno stile moderno che riprende un po’ il gusto degli anni ’60. E’ attrezzato con una spiaggia privata, un piccolo molo per le barche, una bella terrazza dove magiare all’aperto, i campi da tennis e il centro benessere….proprio come gli alberghi che siamo abituati a vedere al mare, ma in un ambiente completamente diverso!  In dicembre ovviamente non ho avuto la possibilità di apprezzare questo tipo di vacanza un po’ “marittima”, ma solo immaginarla, perché in questi giorni ovviamente c’era tutta un’altra atmosfera.

Dal 28 novembre al 21 dicembre, a partire dal venerdì sera fino alla domenica sera, proprio sulla passeggiata davanti all’ hotel, viene allestito un vero e proprio “villaggio sul lago” con tante casette di legno, tipiche dei mercatini natalizi, che vendono i prodotti tipici della zona, sia alimentari che di artigianato, insieme ad altre iniziative per coinvolgere i visitatori.

E così anche io ho approfittato di queste proposte e ho partecipato ad una fiaccolata serale lungo le sponde del lago, ad una gita in battello nella baia di Poertschach (offerta dal comune al pubblico), ad una passeggiata fra le casette di legno, riscaldata da un bicchiere di vin brulè.

A far “compagnia” ai visitatori ci sono anche personaggi della vera tradizione carinziana: St. Nikolaus, il santo col mantello rosso e la barba bianca che il 5 dicembre distribuisce i regali ai bambini, decisamente in contrasto con altri personaggi piuttosto inquietanti, con maschere, capelli arruffati, sonagli attaccati alle caviglie, che con le loro grida attraversano i paesi con l’ intendo di cacciare l’ inverno.

Una piacevole atmosfera natalizia si respira anche a Velden, elegante paesino che sia affaccia sul lago, tutto luccicante grazie alle luminarie natalizie, con una piacevole passeggiata sulle sponde del lago, la corona dell’ Avvento appoggiata sull’acqua, e le immancabili casette di legno.

10 velden 11 velden

Per i più mondani a Velden c’è anche il casinò. Non a caso questa è sicuramente una delle più rinomate località turistiche della Carinzia sia per l’estate che per l’inverno.

Sono rimasta stupita dalla varietà di proposte che questa zona può offrire 365 giorni l’anno: oltre a poter visitare le piacevoli cittadine attorno al lago ed i suoi castelli, in inverno si può praticare sci, ciaspole, sci di fondo, fare escursioni sulle slitte e pattinaggio su ghiaccio (pensate che negli inverni davvero molto freddi il lago di Worthersee può diventare un’immensa pista di pattinaggio!), mentre in estate si può prendere il sole come al mare, fare il bagno in un’acqua limpidissima, praticare sport acquatici ed fare escursioni all’ aria aperta.

Mi sono ripromessa di tornare in questa parte della Carinzia in una stagione più calda, e spero di potervi raccontare a breve qualche nuova esperienza!

 

 

The following two tabs change content below.
Lisa V.

Lisa V.

Appassionata di viaggi fin da quando era ragazzina, al punto che ha fatto diventare questa sua passione un lavoro, diventando agente di viaggi. Appassionata anche di fotografia, le piace immortalare ogni esperienza in giro per il mondo con la sua inseparabile macchina fotografica. Apprezza particolarmente i paesi orientali e il mare, ma spera col tempo di riuscire a visitare in lungo e in largo tutti e 5 i continenti. Romagnola doc, ma amante del mondo intero!

Nessun commento

LASCIA UN MESSAGGIO