Dubai in pillole: cosa sapere prima di partire

0
dubai in pillole

Dubai è una città strana, ricca di contraddizioni a mio parere e, forse, affascinate proprio per questo motivo. Durante quella settimana passata tra le sue strade, i suoi immensi grattacieli e le sue strade trafficate ho avuto modo di pensare e valutare i diversi aspetti di una città, che si presenta prorompente nella sua originalità e piattezza.

Sì, piattezza. Una città di poco più di quarant’anni, dove la storia è quasi assente, e la cultura originaria si mischia con un multiculturalismo disarmante.

dubai in pillole
dubai vista piccola

Indubbiamente è una città da vedere, Dubai può rubarti il cuore o provocarti una sensazione di fastidio mista a stupore. Mi sono fatta rapire dai suoi tramonti, dalle centinaia di piani del Burj Khalifa, dallo spettacolo delle fontane più grandi del mondo, da come tutto è pensato e realizzato a tavolino e nulla è lasciato al caso.

Ma proprio per il fatto che è una città strana, inusuale, diversa da ciò che siamo abituati a vedere attorno a noi dobbiamo essere consapevoli di un paio di cosette, giusto prima di partire.

POSIZIONE SOCIALE

C’è chi porta il velo, chi no, c’è chi per legge può bere e tenere dell’alcol in casa e chi invece non può, c’è chi può desiderare di arrivare a posti di lavoro dirigenziali e chi sa che la sua vita è condannata a rimanere legata al volante di un taxi o ad un elmetto da lavoro. È la città dello sfarzo, ma se si sa dove andare non è nemmeno tanto costosa.

CRIMINALITÀ E ALCOL

Le punizioni sono severe, per questo la criminalità praticamente non esiste, se si perde il cellulare viene riportato, lo stesso vale per il portafogli e non come qui che magari ti viene restituito, ma alleggerito. Molti non chiudono la porta di casa a chiave, perché sanno che non c’è motivo di temere un’irruzione, una visita inaspettata da parte di un ladro o di un malintenzionato. Non esiste un livello di tolleranza sulle quantità di alcol nel sangue, mentre si è alla guida, se vieni fermato dalla polizia con anche solo un mezzo bicchiere di vino in corpo, la galera è la conseguenza delle tue azioni. Nei supermercati non vengono venduti alcolici, si può berne nei bar o comprandoli preventivamente in aeroporto, prima di uscire, ma in giro non troverete nemmeno una bottiglia di birra.

Attenzione ad attraversare la strada con il semaforo rosso, lo fanno in tanti, ma cercate di non farvi beccare dalla polizia locale, altrimenti andare in carcere una notte è un attimo.

ATTI OSCENI IN LUOGO PUBBLICO

Un solo bacio all’aperto, può essere considerato come “atto osceno in luogo pubblico”, quindi è da evitare, come lo è andare in giro per le strade mano nella mano. Multiculturale sì, ma con le sue regole. L’omosessualità è ancora un argomento tabù, per lo meno in facciata, per cui la punizione è tra le più severe, secondo l’articolo 354 del Codice Penale sarebbe prevista la pena di morte.

VESTIARIO

dubai in pillole

Non c’è l’obbligo di indossare il velo, questo è sicuro, ma è comunque richiesto un certo tipo di abbigliamento da parte delle donne, che non prevede pantaloncini troppo corti, maglie troppo scollate che potrebbero attirare sguardi non desiderati. Nelle spiagge, sia che siate in quella del vostro albergo che in una di quelle pubbliche, non è consentita la pratica del topless, ed è consigliabile non indossare costumi troppo succinti.

Se state pensando di andare a fare un salto a Dubai, prima di partire è il caso di essere consapevoli che si va in una città moderna, ma con delle regole ferree, d’altronde, paese che vai usanza che trovi ed è anche giusto così!

 

The following two tabs change content below.
Liz Au
Classe 1987, di sangue veneziano. Le piace definirsi una viaggiatrice ed una sognatrice, ma per ora è una laureanda in turismo che non vede l’ora di finire gli studi per tornare a viaggiare! Dopo gli Stati Uniti e l’Europa, nel 2011 è partita per un viaggio nella terra dei canguri. Ha trascorso un mese e mezzo viaggiando in Australia, Fiji, Samoa e Nuova Zelanda. Le sue passioni sono scrivere, viaggiare e mangiare, ed ecco che nel luglio 2012 nasce Travelling with Liz!

Nessun commento

LASCIA UN MESSAGGIO