Marrakech: assaporando il Marocco

0
La cucina del Marocco, rappresentata benissimo a Marrakech, è un mix di aromi e sapori.
Molte spezie, molto peperoncino (ben dosato), ed un miscuglio di tradizioni e popoli.
Dagli spagnoli gli abitanti del Marocco hanno imparato ad usare le olive e la frutta secca, dagli arabi hanno appreso come dosare, con dovizia, le spezie, ma a loro volta hanno insegnato ai visitatori o ai conquistatori la cottura alla brace o dentro il Tajine.
place dove mangiare a Marrakech
Tutti gli alimenti sono presi in considerazione: cous cous, legumi, pesce e frutti di mare, agnello, frutta e verdura ed anche il pane, essenziale sulla tavola, e che alle volte è usato al posto delle posate.
Girando per Marrakech è possibile sperimentare, anzi gustare, meglio ancora assaporare questo spaccato di storia culinaria.
Qui alcuni consigli su dove mangiare e cosa a Marrakech:

Kefta – da mangiare in Place Jemaa el-fna,
Al banco n.1  Es Aicha – non compaiono nel menù, ma basta chiedere ai camerieri. E in un lampo, in piattini colorati, appariranno delle polpettine speziate e cotte sulla griglia. Rigorosamente da accompagnare con l’Harira, salsa di pomodoro veramente veramente piccante.

Pastilla – uno dei posti migliori è il café Zaza.
Un piccolo café situato in mezzo al suok con una grande terrazza che si affaccia sui banchi e sulla vita del mercato. La Pastilla è un piatto dolce-salato. Un impasto di mandorle sminuzzate e pollo, o ancora piú piccione, ricoperto da pasta fillo spolverata di zucchero a velo e cannella.

cafe zaza (1)

Kosy Bar – L’aperitivo “milanese” in salsa marrochina.
Vicino alla Mellah, alla sinagoga ebraica e al palazzo reale c’è piazza Ferblantier dove ci sono molte botteghe di lampade e oggetti di metalli. In un angolo, da cui si possono vedere i nidi delle cicogne che nidificano sulle mura di palazzo Bahia, c’è il Kosy Bar, locale che unisce la tradizione delle spezie e dei sapori orientali con un ambiente moderno e dai tratti occidentali. Un buon aperitivo con olive al curry, formaggio di capra e polpette al cardamomo il tutto accompagnato da sorsate di birra Casablanca.

kosy_bar dove mangiare a Marrakech

Tajine – Cooperativa Amal
Nella nuova Marrakech, nel quartiere di Gueliz, dopo aver visitato il bellissimo e gratuito Teatro Reale (luogo poco conosciuto, ma quasi mistico), superati hotel di lusso e negozi occidentali, Mc Donald e Starbucks vari si arriva in una piccola strada che ospita questo ottimo ristorante dove lavorano solo donne che cercano la propria emancipazione. Le donne in cerca di occupazione vi fanno stage di 4 mesi dove imparano a cucinare e servire in tavola.
Uno dei piatti tipici che le bravissime cuoche sanno proporre è la Tajine servita a tavola nel recipiente tipico e da assaggiare sia nella versione di pesce che di pollo.

amal dove mangiare a Marrakech

Zuppa di legumi –  il Cafè des Epices
Sulla terrazza panoramica del Cafè des Epices potete gustare la zuppa di legumi alla marocchina. L’ingrediente segreto è un mix di 5 spezie che vanno dal piccante al dolciastro.
Nell’attesa dei vostri piatti, sempre preparati con cura e con una buona presentazione, potete godere dello spettacolo che si svolge sotto i vostri piedi: venditori di spezie, di tappeti, di oggetti di legno mettono in atto le loro contrattazioni in un mare di odori e colori.
cafe epices dove mangiare a Marrakech
Questi sono solo alcuni locali, provati ed apprezzati nel mio soggiorno a Marrakech, di posti buoni e non solo turistici se ne trovano tanti, ma, dopo un po’ che si gira per i vicoletti della Medina capita sempre più spesso di assaggiare i cibi preparati sulle bancarelle, che siano il pane appena sfornato, le sarde o la zuppa.
place (2)
place (5)
place
place dove mangiare a Marrakech
I venditori e gli avventori ti guarderanno sempre con un senso di gratitudine e stupore perchè pochi turisti si lasciano tentare dal cibo da strada, ma tu che ci hai provato potrai sentire il calore di una comunità che ti accoglie.
The following two tabs change content below.
Linda F.

Linda F.

37 anni, insegnante, viaggiatrice e un sogno: poter correre nei musei come Jules e Jim. Ama fare e disfare le valigie, crede che sia bello partire e anche ritornare. Crede anche nell'essenza profonda della fotografia e nel valore delle parole. Crede che non ci sia modo migliore di organizzare un viaggio se non i consigli di chi quel viaggio l'ha già fatto ...
Linda F.

Latest posts by Linda F. (see all)

Nessun commento

LASCIA UN MESSAGGIO