La magia del Lago d’Orta

2

Non so se da ragazzini abbiate letto C’era due volte il Barone Lamberto di Rodari, ambientato tra i paesi abbarbicati attorno al Lago d’Orta o, se cresciuti, vi siate fatti coinvolgere dai racconti della Pariani, che ha fatto di questo luogo un’ambientazione intima delle vicende dei suoi libri o se, più recentemente, vi siate nascosti sulle sue colline insieme al protagonista di Numero zero, l’ultimo libro di Umberto Eco. Che siate o meno già conoscitori di questo lago a ovest del Lago Maggiore, vi consiglio un week end in un luogo romantico, ricco di storia, arte, cultura, meditazione, ma adatto anche all’escursionismo e allo sport.

IMG_0830

Iniziamo col sorprenderci con una vista mozzafiato sul Lago d’Orta, la Pianura Padana e le Alpi. Il Santuario della Madonna del Sasso, costruito su un alto sperone granitico fra il 1730 e il 1748, è senz’altro il balcone più suggestivo del lago. Costruito nella prima metà del ‘700 come ringraziamento in seguito ad un miracolo, è il posto giusto per riappacificarsi con se stessi e il creato. Al suo interno è custodito un grande ciclo pittorico di Lorenzo Peracino, fecondo pittore e scultore valsesiano; sull’altare maggiore si può ammirare la Deposizione di Cristo dipinto nel 1547 da Fermo Stella da Caravaggio, discepolo di Gaudenzio Ferrari.

gitina 471

Dopo una passeggiata sull’incantevole lungolago di Pella (dove vi consiglio di dimenticare l’auto), castrum voluto da Ottone I nel X sec., vale la pena prendere una barca per raggiungere la fiabesca Isola di San Giulio, il santo che dopo aver sconfitto draghi e serpenti decise di abitare qui. Tra X e XI sec. fu eretta l’attuale chiesa di impianto romanico, i cui interni ricchi e barocchi si alternano con i preziosi affreschi della scuola di Gaudenzio Ferrari e l’ambone, fiore all’occhiello nazionale in fatto di scultura romanica. Passando accanto all’Abbazia Benedettina “Mater Ecclesiae”, si percorre la “Via della Preghiera e della Meditazione” tra le caratteristiche case private della piccola isola.

IMG_8476

Di fronte all’Isola di San Giulio c’è uno dei borghi medievali più incantevoli del mondo: Orta. Prima di respirare l’atmosfera di altri tempi che solo Orta sa dare, consiglio di provare un’esperienza unica: un pranzo nel bistrot di uno chef stellato, Fabrizio Tesse. Dalla terrazza del suo ristorante prenderemo coscienza dei palazzi decorati, delle chiese barocche, le torri, le piazze e le vie acciottolate.

Dopo mangiato Orta saprà riservarci tante sorprese: le caratteristiche botteghe artigiane, le gallerie d’arte, gli angoli più insoliti e nascosti, fino a Piazza Motta, il “salotto” della città, dove è possibile visitare il Palazzotto, la splendida Chiesa Parrocchiale dell’Assunta (XV secolo) e le mostre temporanee del signorile Palazzo Ubertini.

IMG_8487

Dal centro di Orta è possibile raggiungere uno degli edifici più insoliti del lago: Villa Crespi. Costruita nel XIX secolo in stile moresco per la passione del proprietario per il mondo arabo, è oggi uno degli hotel più prestigiosi del Bel Paese e sede dell’omonimo ristorante dello chef Cannavacciuolo.

Proseguendo il cammino si arriva al Sacro Monte, Patrimonio dell’Unesco, luogo mistico, di cultura, di fede e di arte. Tra affreschi dedicati a San Francesco e un bosco di faggi e querce, si gode di uno dei panorami più rilassanti e incantevoli del lago.

gitina 484

Per una giornata di sport, invece, vi invito a consultare il sito Lagodorta.net, dove è possibile trovare tutti i percorsi escursionisti del territorio, per conoscere il Lago d’Orta dagli scorci più nascosti e naturalistici.

 

Dove mangiare 

Per un pomeriggio in spiaggia o un aperitivo al tramonto…Orta Beach Club, Via Domodossola, Loc. Bagnera – Orta San Giulio

Per un pranzo o una cena gourmet: Locanda di Orta, Via Olina – Orta San Giulio. Il bistrot, più economico e con una selezione più ridotta di piatti, è sul terrazzo di un edificio nel centro storico del paese; il ristorante, decisamente più stellato, è nella sala interna.

Per un gelato artigianale vista lago: Gelateria Antica Torre, Via Lungo Lago 8 – Pella.

 

 

 

The following two tabs change content below.
Barbara

Barbara

Insegnante di mestiere, giornalista, lettrice e viaggiatrice per passione. Ama il sole, il buon vino, il cibo cucinato con amore, i libri quelli che “ne leggi solo una pagina altrimenti finiscono subito”, gli animali, in particolare il suo Olly. E' curiosa di tutto ciò che è nuova tecnologia e innovazione e di ogni realtà che sia evocativa di un mondo che non c’è. In perenne e precario equilibrio tra passato e futuro. Jeeper e harleysta per amore.

2 COMMENTI

  1. Bellissimo il lago d’Orta, vicinissimo a dove sono cresciuta. Complimenti per il post! 🙂 consigliatissimi i percorsi di trekking per ammirare il lago (e anche il Lago Maggiore e quello di Mergozzo) dall’alto!

LASCIA UN MESSAGGIO