La sabbia sotto i piedi

9

Eccomi finalmente in Lazio, è da un po’ che non vedevo il mare, il profumo di salsedine, gli ombrelloni.

Qui le spiagge sono lunghissime, è da circa 25 chilometri che cammino nel bagnasciuga scalzo, i miei calli costruiti con 3 mesi di camminate si stanno piano piano consumando sotto l’effetto “scrub” della sabbia ma la libertà di non avere più le scarpe ai piedi non ha davvero paragoni.

Si alternano i lidi pieni di famiglie, gli ombrelloni si muovono al ritmo del vento ed i bambini che giocano nella sabbia mi portano a pensare come sarebbe stato mio figlio, lo immagino con gli occhi di Marta, biondo come ero io da piccolo. Sento chiamare mamma e nel mio pensiero la vedo con il mio piccolo Leonardo. Ma lei non c’è e mai più ci sarà.

Marta nei campi Elisi

Allora la immagino in una specie di scenario naturale bellissimo, tipo i campi Elisi, lei che gioca con Leonardo felice e contenta.

Vado avanti, ho gli occhiali scuri ed i miei occhi non si vedono, sorrido ai bambini e penso a quelli meno fortunati, sono sicuro che riusciremo nel nostro piccolo ad aiutarli un po‘.

Tra un lido e l’altro ci sono chilometri di spiagge deserte dove finalmente mi posso fermare, riflettere, guardare il mare e ad ogni onda ricordo ancora Marta mentre saltavamo nelle onde a Miami, Koh Tao, Sydney.

lazio spiaggia deserta Roma

Ma devo essere forte, andare avanti. In molti mi dicono che non sono solo, che lei è sempre con me, mi scrivono buona notte a “voi” ma io alla mattina quando mi sveglio sono davvero da solo, con me non c’è nessuno.

Le decisioni importanti ed il mio viaggio sono nelle mie spalle come il mio pesante zaino e non è facile, credetemi.

The following two tabs change content below.
Chris
Viaggiatore indipendente, Chris ama esplorare i luoghi piu’ incontaminati, pescare, fare del sano trekking ed esplorare le citta’ a piedi per coglierne i suoi dettagli. Ha girato in diverse parti del mondo a partire dalla nostra Italia, Spagna, Inghilterra, Olanda,Irlanda,Francia,Croazia ma anche in luoghi piu' lontani come Tailandia, Malesia, California, Florida, Australia,Hong Kong, Cook Island ma sono i paesaggi e la gente della Nuova Zelanda che gli sono rimasti nel cuore.

9 COMMENTI

  1. Ti ammiro, ti seguo, sorrido e piango con te. Non ti conosco ma sento di dirti che ti voglio bene. Mio fratello sta facendo una cosa simile, un viaggio in bici, un po’ di tappe sue, un po’ per andare a visitare ospedali che hanno reparti speciali per bambini cardiopatici. Lui alle spalle ha un altro tipo di sofferenza. Non paragonabile alla tua. Ma quando ci parlo e quando leggo le sue giornate mi vieni in mente te. Quando leggo te mi viene in mente lui. Siete forti. Siete davvero forti. Grazie.

  2. Certo Cris…lo sappiamo tutti che il tuo zaino interiore è pesante. Ammiriamo la forza che ti ha spinto ad intraprendere questo tuo viaggio. Non so quanti di noi lo avrebbero fatto. Ogni volta che passo sotto il balcone di via Colomba e vedo lo striscione il mio pensiero vola a te anche se non ti conosco personalmente. Purtroppo anche il dolore forte fa parte della vita…ma penso che a ciascuno Dio affida solo delle croci che può portare. Questa tuo grande dolore ti renderà ancora più forte e oltre a questo viaggio farai altre cose speciali…ne sono sicura. Guarda avanti anche se hai un gran peso sul cuore o una sensazione di vuoto dentro. Marta e Leonardo saranno sempre con te e non temere : ci saranno tempi migliori anche se ora ti sembra impossibile. Avanti tutta !!!! Non è uno scherzo : mi chiamo Marta anche io 🙂 e adesso forza !!! Ci sono un sacco di bambini da aiutare !!!!

  3. Sai che ogni mamma e bambino che incontri ha dentro di sé una briciolina di Marta e Leonardo, e loro nemmeno lo sanno perché solo tu sei in grado di vederlo!
    Dietro a quegli occhiali scuri c’è la forza che ti spinge e che spinge tutti noi a seguirti e, ti garantisco, non è per pena o pietà ma soltanto perché VOI siete la forza che ci attrae!
    Fatti coraggio amico mio, ce la farai! anzi ce l’hai già fatta!

  4. Passo sempre a leggerti.. Egoisticamente vorrei leggere che stai bene, che non ti senti solo e che non senti piu’ quel forte dolore al cuore..Dico egoisticamente perche’ quando leggo questi post vorrei dirti mille cose, mille cose di quelle belle tipo:”forza, dai fatti coraggio etc” e poi mi sento stupida e mi chiedo cosa ne sarebbe di me se fosse capitato lo stesso al mio bambino.
    Il mio bambino aveva solo pochi mesi quando hai perso la tua Marta e Leonardo. Ricordo i brividi provati sentendo la notizia in tv..
    Mi dispiace, mi dispiace dal profondo del cuore ma non penso esista persona piu’ forte di te..stai dimostrando una volonta’ ed una forza d’animo che forse neanche tu pensavi di avere..
    A volte ci credo davvero e penso che Marta e Leonardo siano veramente sempre vicino a te..grande Chris

  5. te lo dissi tempo fa, te lo ripeto ora: sei un uomo forte, coraggioso. A testa alta con il peso del dolore sulle spalle e nel cuore…
    leggerti è un po’ seguirti e sopportare con te un pizzico di quel dolore, passerà con il tempo…
    un abbraccio da qui
    Rosy

  6. Caro Chris,
    Grazie per quello che fai e grazie che lo condividi. È meraviglioso!
    Anche se non ti conosciamo, continuando a leggerti, è come se fossi un nostro amico.
    Non abbiamo parole per quello che stai facendo.
    Ti pensiamo e di tutto cuore ti auguriamo tutti il bene.
    Nora e Leandro

  7. Abito vicino a Castel Gandolfo so che domani sarai qui e vorrei incontrarti.. per un semplice abbraccio.. per dirti grazie.. e per farti vedere il sorriso della mia piccola Bea… che un giorno sono sicura guarirá anche a te! Solo il tempo allevierá le tue ferite e mi auguro che presto tu possa tornare ad essere felice Sei una persona meravigliosa

  8. Ciao Christian, sono un’amica di Lucia Scalzo, ed ero al flash-mob di Castel sant’Angelo e all’aperitivo in tuo onore. Sono molto colpita (come tutti credo) da quello che ti è successo e da come lo stai affrontando, e ti voglio donare una Chacarera che parla di un viandante che trova nel cammino il sollievo alle proprie sofferenze… La Chacarera è una danza folkloristica argentina, di solito abbastanza allegra, ma questa versione è particolarmente suggestiva… La voce è della inimitabile Mercedes Sosa. Spero ti piaccia… Un abbraccio grande…
    https://www.youtube.com/watch?v=qJGRJ7vOy5Y

LASCIA UN MESSAGGIO