Siena tra colori e tradizioni

0

Quando mi è stato proposto un viaggio last minute in Toscana con direzione Siena, mi è stato detto “cosa vai a farci di nuovo? Ci sei già stata”, ma vi posso assicurare che è stata la miglior decisione che potessi prendere. Perchè? Beh, perchè questa città mi è rimasta nel cuore sin dalla prima volta in cui l’ho vista. All’epoca avevo solo 14 anni, ma fin da subito sono stata attratta, quasi come una calamita, dalla particolarità di questo borgo, dal suo arredo urbano medievale, dalla sua storia e dal suo patrimonio artistico e culturale. Per vivere appieno la città vi consiglio, se arrivate dalla stazione, di salire a bordo di uno dei tanti autobus urbani che fermano in Piazza del Sale; da lì, siete fin da subito catapultati all’interno del centro storico della città, vero cuore pulsante, nonchè dal 1995 inserito dall’UNESCO nel Patrimonio dell’Umanità. Che dite, mica male vero?

2

Per gli amanti dello shopping, la città non vi deluderà di certo e il centro storico offre varie opportunità per tutti i gusti: dalle boutique di alta moda, all’antiquariato, ai negozietti di ceramica, legno e artigianato (tappa obbligatoria da Cuoieria Fiorentina, la cui vetrina l’avró contemplata centinaia di volte, luogo noto per la produzione del celebre cuoio fiorentino, famoso in tutto il mondo con design made in Italy al 100%), situati in via Dei Banchi di Sopra e via di Città, gli assi viari più animati ed eleganti della città. Ogni pochi negozi, per concedersi una pausa tra un acquisto e l’altro, c’è la possibilità di gustare un buon gelato (consiglio vivamente di fare un salto da “Venchi” o meglio ancora da “Grom”, che ogni mese stupisce con un nuovo e originale menù, assaggiando la squisita “crema di Grom”) oppure qualche dolce della tradizione senese come il classico “panforte” da “Nannini” accompagnato da caffè e paste per un’ottima merenda. Io ne ero estasiata ma non faccio testo in quanto sono una vera golosona.

3

Comunque da questa zona, si è davvero a un passo dal raggiungere quella che io definirei la linfa vitale della città, il suo epicentro ovvero “Piazza del Campo“, luogo in cui ogni anno si celebra il Palio, ma anche dove si trovano la cattedrale e Piazza del Duomo. Ora non voglio soffermarmi molto su questi luoghi perchè ciascuno di essi meriterebbe l’attenzione di cui sono degni. Ciò che voglio farvi immaginare, è proprio l’aria che si respira in questo posto tanto unico quanto raro.

4

Non si può non rimanere affascinati dal patriottismo dei senesi, da quanto loro sono legati e amano la loro città: essa è suddivisa in contrade, ben 17 (a eccezione di piazza del Campo e piazza Duomo che non appartengono a nessun distretto), suddivisione storica all’interno delle mura medievali che prendono il nome da un animale o un simbolo e avente ciascuna una propria storia alle spalle. Ogni contrada durante il periodo estivo, ogni domenica, organizzano dei piccoli cortei medievali per il centro storico con un lungo seguito di cittadini residenti in quella stessa contrada che sfilano portando al collo, come simbolo, un fazzoletto raffigurante la propria bandiera di appartenenza, mentre il rione in festa colora le proprie strade con bandiere e luci, pronti a far festa.

5

Ma non pensate che tra di loro vadano d’amore e d’accordo: anzi, i rapporti tra le contrade sono da sempre complessi e non mancano di certo le rivalità. Ma come dice un vecchio detto senese: “non esiste penna del miglior poeta che possa descrivere l’atmosfera e il fascino esercitato dalle Contrade”. Quindi, guardare per credere!

 

The following two tabs change content below.
serenar

serenar

Classe 94, pugliese DOC, studentessa universitaria, perdutamente innamorata del mare, dell'arte e della fotografia. Non mi separo mai dal mio Iphone e sono Instagram-addicted perchè mi perdo nello scattare e catturare piccoli momenti di quotidianità e rimango affascinata da come una foto racchiuda ed esprima un piccolo mondo da scoprire, conoscere e visitare. Una delle mie frasi preferite: "ogni viaggio lo vivi tre volte quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi".
serenar

Latest posts by serenar (see all)

Nessun commento

LASCIA UN MESSAGGIO