Un incontro “alternative”!

california_Fotor

18 Agosto 2015. Viaggio nella West oast americana con i compagni di una vita, Roberta (prima volta in America), Luca e Daniele (i veterani) ed infine io.  Arrivati a Santa Barbara, e dopo aver passato la giornata in auto, in quanto arrivavamo da Los Angeles,  parcheggiamo di fronte al nostro hotel: The Inn at the East Beach.

Prima di noi alla reception, un’altra famiglia, cerca di fare il check in. Dal nostro arrivo, saranno passati almeno altri venti minuti prima che fosse il nostro turno.

Santa barbara california1cfrank santana- the inn at the east beach website

“Buonasera, sono Frank Santana, proprietario dell’hotel The Inn at the East Beach. Da dove provenite?” E noi :“Siamo italiani, di un paesino nel Nord Italia e stiamo arrivando da Los Angeles città”. “Bello!” Controllati i documenti, inizia ad elencarci tutto ciò che non può essere portato in stanza : non sono ammessi animali “no dogs, no cats, no penguins, no fishes, no giraffes, no zebras, no crocodiles, no kangaroos,no monkeys, no hyppos, no pandas…” ;  non è possibile mangiare ma si può usare il frigo e farsi il the; la  colazione sarebbe stata servita dalle sette e mezza alle nove e mezza ed era possibile chiedere gli asciugamani per andare in spiaggia. Alti venti minuti di prezioso tempo persi ma chiavi della stanza guadagnate.

Santa barbara california

Purtroppo Daniele, senza farlo apposta, gli chiede cartine del posto e indicazioni su locali in cui è possibile cenare. Riparte l’incubo, Frankie.  II Sig. Santana, tira fuori dai mille cassetti del suo scrittoio piantine, mappe, orari di bus e treni, depliant dello zoo e ci spiega tutto: bus da prendere, costi, orari etc (e qui una’altra mezzora se ne è andata). “Mamma mia ma quanto parla”, pensiamo noi.  Inizia poi a descriverci tutti i locali tipici del porto, ci regala ogni genere di sconto o omaggio, il tutto sempre estraendo carta dai cassetti.  “Grazie ma al porto ci vorremmo andare domani”  diciamo noi e lui inizia a spiegarci tutto quello che c’è nei dintorni,  dal centro commerciale fino a citare un hotel che si trova dall’altra parte della strada che ospita un ristorante interno. Dopo la marea di parole,  guardiamo l’ora e ci rendiamo conto che sono le ventuno e cinquantacinque  e pensiamo, “parcheggiamo e portiamo le valigie in stanza”.

Santa barbara california.jpg2

Alle ventidue e zero cinque circa, ci avviamo alla ricerca di questo ristorante ma scopriamo chiudere alle ventidue. Ci guardiamo e pensiamo “E adesso, dove si va?” . Subito Luca, visto anche la sua dipendenza da panini, consiglia di cercare il Mac Donald’s della città.

Pronti, via! Impostiamo il navigatore con la via esatta ma di quest’ ultimo non si vede  nemmeno l’ombra. “Strano” pensiamo noi,  cerchiamo nelle vie li intorno e niente da fare non esiste. Al suo posto abbiamo trovato un Subway ma rammaricati scopriamo che anche questo chiude alle ventidue.

“Eh, ma che sfortuna stasera, che facciamo?”. Iniziamo a vagare per il centro città,  ma tutti i locali in cui entriamo ci dicono che la cucina ha già chiuso. Sconsolati, iniziamo a vagare per le viuzze della città scattando foto e alla fine riusciamo a trovare uno Starbucks.

“Uno Starbucks aperto? A quest’ora?”Erano le ventitre e quindici circa, pensai tra me e me, “sarà già chiuso o sta chiudendo?. Ci avviamo all’ingresso laterale e stupiti, vediamo che chiude alle ventitre e trenta . “Ragazzi siamo salvi! Ce la facciamo a mangiare in venti minuti!” Siamo entrati e  abbiamo cenato ordinando the, cappuccini, tramezzini e focaccine!

Starbucks, quella volta, ci ha proprio salvato la serata!

(alcune foto da Shutterstock)

The following two tabs change content below.
Michela Crosa

Michela Crosa

Impiegata di professione, runner per passione. Sempre alla ricerca di nuove culture e luoghi da scoprire .In poche parole: “Everywhere on the road”
Michela Crosa

Latest posts by Michela Crosa (see all)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here