Colombia: cosa vedere, i 5 posti più belli

Spiaggie Sant andres Colombia

La Colombia è un luogo magico dell’America Latina che propone ai suoi visitatori una serie di paesaggi mozzafiato difficili da dimenticare e correlati dalla possibilità di vivere vere e proprie avventure, proprio come “La Colombia in Autobus”

Sono molte le persone che non prendono in considerazione questo paese per via delle voci che circolano sulla sua pericolosità, occorre però dire che questo non è del tutto vero, la Colombia infatti non è molto più pericolosa di altri luoghi, bisogna, come sempre, stare attenti a dove andare. Il popolo colombiano è aperto e solare, ben disposto ad ospitare turisti che vogliono soggiornare nelle splendide zone di mare, accompagnandoli durante la loro permanenza con la musica latina tipica di queste zone. Scopriamo insieme le bellezze di questo paese che tanto ha da offrire a chi lo visita per la prima volta.

 

Visitare Cartagena de Indias

Nella regione caraibica di Bolivar, in Colombia, troviamo una città dalla rara bellezza che è stata riconosciuta come patrimonio mondiale dell’UNESCO: Cartagena de Indias.

Bocagrande vista aerea

Dislocata in una posizione facile da raggiungere, sulla costa settentrionale del Mar dei Caraibi, Cartagena è un paese che fu edificato nel periodo della colonizzazione spagnola e che per molti anni ha detenuto il primato di principale porto del continente.

Cartagena si costituisce principalmente di due zone, una è rappresentata dalla Ciudad Amurallada, ovvero la città coloniale, piena di locali e luoghi di interesse storico e culturale, l’altra nota con il nome di Bocagrande, famosa zona residenziale e dove si condensano la maggior parte degli hotel turistici.

Cosa vedere a Cartagena

La Ciudad Amurallada è conservatrice di fascino ed incanto del periodo coloniale a testimonianza del quale rimangono le sue strette strade costeggiate da edifici dalle balconate in legno.

Tra gli highlight della città troviamo il Palazzo dell’Inquisizione , la Cattedrale, la chiesa di S. Domenico ed il Palazzo del Governatore.

Un altro luogo di Cartagena da vedere è sicuramente Plaza Bolívar, situata nel cuore pulsante della città vecchia come imperdibile è il Monastero di La Popa, la bellissima Fortezza di San Felipe 

Qui vi elenco alcuni musei di Cartagena con i relativi siti dove trovare ulteriori informazioni

Il Museo Navale –>  www.museonavaldelcaribe.com

Il Museo Arte Moderna –> www.mamcartagena.org

Il Museo dell’Oro –> banrepcultural.org/cartagena/museo-del-oro-zenu

Come raggiungere Cartagena

E’ possibile raggiungere la città con diversi mezzi di trasporto ma il principale resta l’aereo. L’aeroporto più vicino che garantisce tratte da Madrid , New York, Città di Panama, Fort Lauderdale, Quito, Miami e New York è l’Aeroporto internazione Rafael Núñez.  Situato a circa 3 chilometri a nord est della città vecchia, è raggiungibile tramite classico taxi oppure con i tipici Metrocare o Vehitrans, molto meno dispendiosi e caratteristici.

Quando andare, il clima.

La sua posizione vicino all’equatore permette a questo luogo di godere di due stagioni durante l’anno, una secca e una piovosa. Nonostante questa differenza sostanziale che divide l’anno in due parti, le temperature a Cartagena de Indias non scendono mai sotto i 32 gradi, proprio per questo motivo risulta essere una meta molto ambita dalla maggior parte dei turisti che si recano in Colombia.

 

Vedere il carnevale di Barranquilla

Carnevale Kobby Dagan Shutterstockcom
di Kobby Dagan – Shutterstock.com

Una cosa da vedere in Colombia per via del tipico folklore che lo caratterizza è il carnevale di Barranquilla.

Vediamo insieme cosa lo rende così speciale.

Dopo il Carnevale di Rio de Janeiro, quello di Barranquilla è il secondo carnevale più famoso del mondo, ogni anno infatti fa accorrere milioni di turisti da tutto il mondo e altrettanti nativi colombiani.

A partire dal 2003 il carnevale di Barranquilla si è aggiudicato il primato di entrare a far parte del patrimonio dell’umanità UNESCO

Questo perché ha saputo fondere le 3 principali culture del paese: quella europea, basata sulla festività stessa, quella africana riscontrabile nei colori e nell’eccentricità delle elaborate maschere e, non per ultima quella indiana che fa da ponte tra le due precedentemente citate.

I festeggiamenti hanno luogo a partire dal sabato e si concludono il martedì successivo , i giorni con più affluenza sono però la domenica e il lunedì, in concomitanza alle sfilate in cui la musica e il travestimento regnano sovrani insieme ai suoi principali protagonisti: Rey Momo e la sua regina, entrambi spiriti dello scherzo. 

Visitare Bogotà

Sicuramente la grande città di Bogotá deve essere presa in considerazione se si desidera vivere appieno un’esperienza indimenticabile.

Agli occhi di un turista che visita la Colombia per la prima volta Bogotá appare come una città in grande espansione, è di fatto così perché nel corso degli ultimi anni questo centro urbano ha conosciuto un’imponente crescita sia a livello commerciale sia a livello turistico che lo ha portato a diventare una delle mete più gettonate dell’America Latina.

Cosa vedere a Bogotà

Principale attrazione di Bogotá è senza ombra di dubbio la Candelara, ovvero il centro storico dove si susseguono colorate abitazioni risalenti al periodo della dominazione spagnola.

Le case del centro di Bogotá hanno la caratteristica di avere le porte degli usci completamente intarsiate tanto da sembrare dei veri e propri cimeli risalenti ad un antico sfarzo coloniale, i tetti poi sono costituiti da tegole dal color rosso accesso.

Interessanti luoghi da visitare durante un’escursione in questa città sono il Museo dedicato a Garcia Marquez e quello che celebra il pittore Botero.

Quando andare a Bogotà

Il periodo migliore per visitare Bogotà è quello dove le piogge sono scarse rispetto agli altri periodi dell’anno, ovvero dicembre-febbraio e luglio-agosto.

Come raggiungere Bogotà

E’ possibile raggiungere la città via aereo, gli aeroporti sono due, quello più importante di Jose Maria Cordova che dista a circa 30 minuti dal centro, e quello di Enrique Olaya Herrera che però effettua solo voli nazionali.

Muoversi a Bogotà è relativamente semplice nonostante essa sia priva di metro, esistono infatti numerose linee di autobus che collegano capillarmente ogni parte del paese.  I taxi inoltre sono abbastanza economici e permettono di girare in maniera indipendente questa perla Colombiana. 

Vedere l’Arcipelago di San Andrés

Sant Andres Colombia
Sant Andres Colombia

Cosa visitare in Colombia se non l’isola di San Andrés? Per tutti gli amanti delle immersioni e della natura incontaminata questo è senza ombra di dubbio un luogo da non perdere!

Se volete farvi un viaggetto virtuale, questa è la vista con Google Earth

La Colombia non possiede solo un patrimonio culturale ed artistico importante ma anche dal punto di vista naturalistico vanta la presenza di luoghi mozzafiato dove immergersi totalmente della fauna e nella flora locale, uno di essi è l’arcipelago di San Andrés.

Un complesso di isole dove regna un ecosistema variegato composto da coralli, piantagioni, geyser e scogliere a capofitto sul mare.

Questo luogo appare quasi totalmente vergine tant’è che molti amanti delle immersioni ne fanno tappa obbligatoria per godere di uno dei fondali marini più belli al mondo.

Le acque sono calde e di colori pastello contornate da mille sfumature verdastre, spesso in esse si scorgono foreste di mangrovie che crescono spontaneamente creando dei veri e propri labirinti acquatici. Le piante di cedro presenti sulla spiaggia ospitano varie specie di uccelli, un paradiso per gli esperti e gli amanti dell’ornitologia.

In questo luogo è possibile gustare uno dei piatti tipici locali, il rondón, una pietanza a base di latte di cocco, crostacei, maiale e banana, magari dopo aver svolto una delle più apprezzate attività sportive della zona, il kite surf.

Come arrivare

L’unico modo per raggiungere l’arcipelago è via aereo, le compagnie che viaggiano su questa tratta sono per la maggior parte low cost e offrono voli della durata di circa un’ora/un’ora e mezza dalle principali città della Colombia. 

Il deserto di Tatacoa

Tatacoa deserto Colombia cosa visitare

Tra le cose da vedere in Colombia consiglio il deserto di Tatacoa, un luogo che racchiude in se una bellezza straordinaria di paesaggi e natura incontaminata.

Situato tra la Cordigliera Occidentale e quella Centrale, il deserto di Tatacoa si estende su una superficie di quasi 60mila ettari ed offre ai suoi turisti dei panorami in grado di togliere il fiato sia durante la notte che durante il giorno.

Se si vuole godere di una posizione privilegiata per una bellissima vista, puntate al punto panoramico di Mirador De Miguelito (qui indicazioni con Google Maps), raggiungibile attraverso escursioni guidate a cavallo, in bicicletta, in moto o motocarro.

Per raggiungere questo luogo è necessario prendere un autobus che arrivi fino alla vicina città di Neiva, qui potrete contrattate un viaggio con un taxi collettivo che potrebbe portarvi fino al deserto o alla città di Villavieja e da qui proseguite verso Los Hoyos.

The following two tabs change content below.
Chris
Viaggiatore indipendente, Chris ama esplorare i luoghi piu’ incontaminati, pescare, fare del sano trekking ed esplorare le citta’ a piedi per coglierne i suoi dettagli. Ha girato in diverse parti del mondo a partire dalla nostra Italia, Spagna, Inghilterra, Olanda,Irlanda,Francia,Croazia ma anche in luoghi piu' lontani come Tailandia, Malesia, California, Florida, Australia,Hong Kong, Cook Island ma sono i paesaggi e la gente della Nuova Zelanda che gli sono rimasti nel cuore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here